Giornale di informazione di Roma - Mercoledi 28 settembre 2016
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cronaca Roma
 
» Prima Pagina » Cronaca Roma
 
 

Scoperto mini casinÚ in sala scommesse

sequestrato il punto Snai, otto denunce

In via Cairoli, all’interno di quella che doveva essere una semplice sala per le scommesse ippiche e sportive, è stato rinvenuto un vero e proprio mini-casinò. Nell’esercizio commerciale, infatti, era stata creata in fondo al locale una stanza riservata e chiusa al pubblico, il cui accesso era possibile solo attraverso una porta a vetri chiusa dall’interno e vigilata da personale del locale. Al momento dell’irruzione degli agenti sono stati trovati 6 cittadini cinesi attorno ad un tavolo da poker ed una somma di 270 Euro. Nelle loro tasche però gli agenti hanno trovato 7.000 euro in contanti. Gli uomini del Commissariato Esquilino hanno così avviato una perquisizione all’interno del locale. Nei pressi del tavolo dove stavano giocando i 6 cinesi ce ne era un altro più piccolo sul quale si trovava una ciotola in ceramica a sua volta poggiata su di una insalatiera colma di riso utilizzata per attutire il rumore del lancio dei dadi; affisso ad una parete c'era uno schermo che proiettava le immagini delle telecamere del circuito di sorveglianza, poste esclusivamente nella zona aperta al pubblico ed all’ingresso, al fine di monitorare un eventuale controllo della Polizia.

All’interno dell’ufficio della titolare dell’esercizio pubblico sono state rinvenute e sequestrate, all’interno di un armadio, numerose carte da gioco, fiches, dadi ed un ‘sabot’ (contenitore per l’erogazione delle carte utilizzato per questo tipo di giochi), nonché una somma di quasi 13.000 Euro della quale la titolare dava spiegazioni contraddittorie e lo stesso accadeva per un assegno da 10.000 Euro trovatole addosso. In un'altra sono stati trovati altri 21.000 Euro, suddivisi in varie mazzette e posti all’interno di una scatola, la cui provenienza è al vaglio degli investigatori. Al termine delle operazioni, le otto persone coinvolte, compresa la titolare della sala scommesse, sono state portate negli uffici del Commissariato e al termine delle indagini sono stati denunciati per i reati di favoreggiamento e partecipazione al gioco d’azzardo. Il punto SNAI è stato sottoposto a sequestro penale così come gli importi rinvenuti per un totale di oltre 50.000 Euro per verificare se sia frutto del gioco d’azzardo illegale.

[19-09-2012]

 
Lascia il tuo commento