Giornale di informazione di Roma - Venerdi 30 settembre 2016
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Il pallonaro Lazio
 
» Prima Pagina » Sport Roma » Il pallonaro Lazio
 
 

Klose incanta, la Lazio passeggia sul Palermo

Doppietta del tedesco e goal capolavoro di Candreva, biancocelesti a punteggio pieno dopo due giornate. Ora la sosta, alla ripresa c'č il Chievo al Bentegodi.

Altra vittoria convincente per la Lazio, che continua il suo trend positivo di successi e all’Olimpico schianta il Palermo per 3 a 0. Sontuosa prestazione di Klose, autore di una pregevole doppietta, e buone conferme per il pacchetto difensivo, con Dias e Lulic in evidenza.

LA PARTITA – Petkovic ripropone lo stesso undici titolare di Bergamo, Sannino parte più prudente dopo l’imbarcata casalinga contro il Napoli. La Lazio fa la partita ma entrambe le squadre sembrano molto preparate fisicamente. Il primo pericolo vero lo creano i rosanero, con Bertolo che al 17’ spara alto di sinistro da buona posizione. Sale la pressione dei padroni di casa e, a parte un contropiede alla mezzora, i siciliani non escono più dalla loro metacampo. Al 31’ Hernanes ci prova da fuori, sul susseguente calcio d’angolo Konko per poco non trova l’angolino giusto in mischia. Il goal è nell’aria: al 39’ Gonzalez mette giù un bel pallone sul vertice destro dell’area di rigore e lascia partire un bel cross al centro, Klose è il più veloce di tutti e fredda Ujkani per l’1 a 0.

La ripresa è un monologo biancoceleste, col Palermo che accusa il pressing asfissiante e confusionario della prima frazione e si rintana nella propria area. Al 47’ Biava ha due occasioni, prima di testa e poi di piede, ma le fallisce entrambe abbastanza clamorosamente. Al 53’ è Konko, piuttosto propositivo, a vedersi deviare in angolo una conclusione dal limite dell’area. Tre minuti dopo tocca a Candreva tentare la fortuna da fuori: ne esce fuori un missile che Ujkani vede ma non può intercettare, un goal fantastico che fa esplodere l’Olimpico e che chiude virtualmente il match. Hernanes ci prova un paio di volte su punizione e il Palermo ha l’unica occasione ghiotta al 78’, con Dybala. Poi ci pensa il solito Klose a mettere le cose in chiaro, con una rete deliziosa: stop di petto a seguire su cross di Lulic e piattone all’angolino per il 3 a 0 finale.

“Crescita” è la parola del giorno per la Lazio, che continua a progredire sotto il diktat del neo-allenatore serbo, alla quarta vittoria consecutiva su quattro partite ufficiali. Se la doppia sfida con il Mura non poteva, razionalmente, rappresentare un banco di prova credibile, le due prima giornate di campionato hanno consegnato una Lazio nuova, anche se negli uomini molto simile, rispetto a quella di un anno fa. Ad onor del vero però se le reti nazionali nella trasferta bergamasca non avessero inquadrato la panchina biancoceleste, pochi si sarebbero accorti del cambio di allenatore. Contro il Palermo si è invece vista una Lazio diversa, combattiva e con le idee chiare, decisa da subito a dominare gli avversari. I siciliani si sono chiusi e, visto il ridimensionamento in fase di calciomercato, sembrano destinati a svolgere il classico ruolo di squadra medio-piccola, un tipo di squadra che spesso la Lazio ha sofferto, soprattutto a domicilio. Per adesso i fatti danno dunque ragione a Petkovic, che può godersi il solito Klose devastante, capace di trasformare una buona prestazione in un trionfo. Tante e confortanti le luci, poche per il momento le ombre: l’esaltazione non è di casa a Formello, ma la consapevolezza che un altro campionato al vertice è possibile inizia a farsi strada, prepotentemente, non solo nell’ambiente biancoceleste.

Valerio Lazzari

LAZIO-PALERMO 3-0 (1-0)

Rete: 40' Klose (L); 56' Candreva (L); 84' Klose (L)


Lazio (4-5-1): Marchetti; Konko, Biava, Dias, Lulic; Candreva Gonzalez, Ledesma, Hernanes (86' Scaloni), Mauri (79' Onazi); Klose (89' Kozak).

In panchina: Bizzarri, Carrizo, Ciani, Cavanda, Ederson, Zarate, Rocchi, Floccari. All. Petkovic

Palermo (4-4-2): Ujkani; Pisano, Von Bergen, Cetto, Garcia; Giorgi (51' Rios), Barreto, Kurtic (59' Hernandez), Bertolo; Ilicic, Miccoli (58' Dybala).
In panchina: Benussi, Morganella, Munoz, Labrin Milanovic, Donati, Viola, Sanseverino, Budan. All. Sannino

Arbitro: Domenico Celi (Bari)
Assistenti: Galloni, Altomare
IV uomo: Manganelli

Note: ammoniti Candreva (L), Miccoli (P), Lulic (L), Rios (P), Klose (L)

Recuperi: 3' s.t.

[02-09-2012]

 
Lascia il tuo commento