Giornale di informazione di Roma - Domenica 17 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Slam dunk
 
» Prima Pagina » Sport Roma » Slam dunk
 
 

Playoffs 2006-2007: Siena vince ancora e ribalta la serie

Ai toscani servono tre supplementari per piegare una grande Virtus

Partita pazza, infinita, sfibrante per chi era in campo e sugli spalti, un’autentica maratona cestistica che ha incoronato Siena dopo 55 minuti di battaglia pura. La gara esalta la parità di valori in campo, nessuna delle due compagini riesce a tenere in maniera considerevole in mano la partita, che scorre via nella certezza che sarà una giocata singola a deciderla. La differenza l’hanno fatta ancora una volta i tiri liberi (56 per Siena, 32 per Roma), un’enormità quelli concessi alla Montepaschi ( ben 56!) da una terna arbitrale meno smaccatamente di parte rispetto a gara2, ma che ha comunque sanzionato ogni respiro romano soprassedendo dalla parte opposta sulle difese eccessivamente fisiche di Stonerook & Co. Nonostante ciò la Virtus ha venduto a carissimo prezzo la pelle trascinando gli strafavoriti toscani al terzo overtime. Il primo quarto sembra favorevole a Roma che parte forte e conduce nei primi minuti 12-7. Siena però si sveglia e grazie ad un 8-0 di parziale rimette tutto a posto. Primi dieci minuti che terminano con la tripla di Carraretto e il punteggio di 26-22 per Siena. Secondo quarto che vede Roma arrancare per non scivolar via dalla gara e Siena al controllo automatico del gioco. All’intervallo siamo sul 42-38 per i senesi.

Nel terzo quarto arriva la riscossa romana, che raggiunge la Montepaschi sul 49 pari, trova la prima tripla della gara con Righetti, tenta la fuga con Hawkins e Lorbek (56-61). Stonerook rintuzza lo svantaggio e il terzo quarto si chiude con Roma avanti 62-65. Ultimo periodo che vive di parzialini, sorpassi, controsorpassi, a meno due minuti dalla fine dei regolamentari, Roma è di nuovo avanti, 81-78. Siena tuttavia non molla e trova il pareggio a quota 82 a 52 secondi dalla fine. A 15 secondi dalla fine sul punteggio di 84 pari Chatman ha la palla della vittoria ma quest’ultima dopo il tiro rimbalza beffardamente due volte sul ferro per poi andare a morire fuori dall’anello rosso: overtime. Nel supplementare Siena scappa, vola a +7, sembra finita per la Lottomatica che però risorge grazie a Bodiroga che segna una tripla da otto metri e a pochi istanti dal termine strappa dalle mani di McIntyre la palla ( con notevole aiuto di Chatman) e deposita i due punti del pari 95. Tutti al secondo supplementare. Roma stavolta (ri)parte bene con Askrabic e il solito Bodiroga, arriva a 4 secondi dalla fine sul 99-101, ma viene punita da una schiacciata di Eze che trascina le due squadre all’incredibile terzo tempo supplementare. Anche in questi ultimi cinque minuti i blugiallorossi sembrano andare bene, vanno sul +4 con una tripla di Askrabic, ma vengono abbattuti da McIntyre prima e da una giocata di Forte che in precario equilibrio dopo il fallo subito, lancia in aria un’Ave Maria che il canestro malignamente decide di accogliere, e che condanna inesorabilmente la Virtus. Finisce 114-108, e la Montepaschi ribalta la serie passando a condurre 2-1. Giovedì a Roma vedremo se la Virtus riuscirà a portare tutti a gara 5 oppure lascerà strada alla squadra di Pianigiani.

 

QUI VIRTUS

 

Bodiroga (23 punti e 29 di valutazione) ha provato in tutti i modi a portare a casa l’incontro, ma gli dei del basket non hanno strizzato l’occhio al semi-dio romano. Grande prova di Askrabic (26 puntie 28 di valutazione), protagonista che probabilmente il copione non prevedeva ma che da solo ha tenuto in scacco nei supplementari i lunghi mensanini. Buone le prove di Hawkins(16 punti) e Stefansson, quest’ultimo soprattutto per la fase difensiva. Lorbek ha offerto una gara di enorme consistenza (14 punti + 9 rimbalzi) ma è stato tremendamente limitato dai falli mal spesi. Chatman è stato sottotono rispetto alle prime due sfide della serie.

 

 

Marco De Leo

[06-06-2007]

 
Lascia il tuo commento