Giornale di informazione di Roma - Mercoledi 28 settembre 2016
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cronaca Roma
 
» Prima Pagina » Cronaca Roma
 
 

Omicidio Lenzi, preso in Spagna uno dei killer

Si tratta di un rumeno, si trovava a Bilbao

Non sono mai cessate le ricerche degli autori dell’efferato omicidio del gioielliere Francesco Lenzi. A conclusione delle incessanti indagini, estese a livello internazionale con la collaborazione dell’Interpol, i Carabinieri del Gruppo di Ostia hanno posto fine alla rocambolesca fuga del trentenne romeno Nicolau Robert Georgian, uno degli autori dell’omicidio, latitante da oltre due anni. L’uomo è stato scovato in Spagna, a Bilbao, ove è stato catturato e, nei prossimi giorni, verrà estradato in Italia. Il gioielliere Lenzi, ucciso al culmine di una rapina il 25 novembre 2008 nella sua villetta all’Axa di Roma, fu prima torturato e poi ucciso da una banda di giovani romeni, introdottisi in casa con la complicità della domestica romena. Le indagini dei Carabinieri del Nucleo Investigativo del Gruppo di Ostia hanno permesso di identificare il gruppo dei malviventi, ai quali nel tempo la Corte d’Assise di Roma ha inflitto pesante condanne.

E' considerato uno degli esecutori materiali dell'omicidio di Francesco Lenzi, il 30enne romeno arrestato a Bilbao al termine di una lunga indagine condotta dai carabinieri di Ostia. Con l'arresto di oggi salgono a 6 le persone finite in manette per l'assassinio del gioielliere, torturato e ucciso nel 2008 durante una rapina nella sua abitazione di Axa da una banda di 7 romeni che ha agito in stile arancia meccanica. Proseguono le indagini dei militari per rintracciare l'ultimo ricercato. Secondo quanto si é appreso il 30enne, già noto alle forze dell'ordine italiane, si era nascosto a Bilbao a casa di alcuni connazionali di Galati in Romania e per non destare sospetti aveva tentato di rifarsi una vita "normale" svolgendo piccoli lavoretti. Gli investigatori sono arrivati a lui tramite indagini su conoscenti e parenti. Quando le forze dell'ordine spagnole sono andati ad arrestarlo, tramite rogatoria internazionale emessa dalla procura di Roma, ha provato a spacciarsi per un'altra persona, ma é stato incastrato dalle impronte digitali. 
 
 

[03-08-2012]

 
Lascia il tuo commento
 
 
 
  CORRELATE