Giornale di informazione di Roma - Giovedi 29 settembre 2016
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cinema
 
» Prima Pagina » Cinema
 
 

Bed Time

di Jaume Balagueró. Con Luis Tosar, Marta Etura

di Rosario Sparti

Essere un portiere di condominio, per Cesar, è anche una passione macabra. Ingannare, mentire e ferire psicologicamente gli altri è il suo sport preferito, data la sua oscura filosofia di vita: se lui non può essere felice, non deve esserlo nessun'altro.

Dopo gli horror in stile mockumentary REC e REC2, il regista spagnolo Juame Balaguerò, ritorna alla forma tradizionale con un classico thriller di genere. Presentato fuori concorso all’ultimo Festival di Torino, il film,  guarda al cinema di genere più classico, con una particolare attenzione a Hitchcock e il suo PSYCHO. Per certi versi, infatti, il bravo Luis Tosar, protagonista della pellicola, non è altro che una rivisitazione di Norman Bates, lo psicopatico entrato nella storia del cinema.

Affascinato dal mistero delle ore notturne, legate inestricabilmente al tempo dei sogni ma soprattutto degli incubi, Balaguerò si propone di colpire lo spettatore, facendo crollare le sue sicurezze nel momento in cui si  è più indifesi: mentre si dorme. L’ora del lupo, l’ora in cui si ha più paura, come raccontano le fiabe, e come risulta evidente dal gioco minaccioso tra il protagonista e la piccola ragazzina nella scena del ricatto. Un gioco che si basa sugli archetipi del genere ma che tende a non aggiungere nulla, risultando così prevedibile e ben poco interessante.

Se la progressione narrativa funziona alla perfezione e la regia, solo a tratti invadente, illustra egregiamente lo spirito di quest’uomo, che pian piano scopre d’essere dilaniato dal virus dell’infelicità, purtroppo è in questo allineamento ai canoni che vengono fuori i limiti. Il regista si vuole cimentare con la tradizione ed ecco così il più classico dei “compitini”, oltretutto senza il coraggio di fornire le risposte ai desideri di felicità non condivisa del protagonista.
 



votanti: 3
Secondo te quanti euro merita??
 
 
TAG: - Balagueró
 

[26-07-2012]

 
Lascia il tuo commento
 
 
 
  CORRELATE