Giornale di informazione di Roma - Venerdi 30 settembre 2016
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Teatro Roma
 
» Prima Pagina » Cultura Roma » Teatro Roma
 
 

Falstaff e le allegre comari di Windsor

Continua la decima stagione al Globe Theatre di Villa Borghese

di Federica Crasà

Al Silvano Toti Globe Theatre di Roma continua la stagione Shakespeariana realizzata col contributo delle Banche tesoriere di Roma Capitale (BNL Gruppo BNP Paribas, UniCredit, Banca Monte dei Paschi di Siena) e prodotta da Politeama s.r.l.

Dal 19 luglio al 5 agosto va in scena Falstaff e Le Allegre Comari di Winsor, per la regia di Riccardo Cavallo che nelle note racconta un aneddoto sul protagonista interpretato da Ugo Pagliai. Sir John Falstaff, infatti, comparve per la prima volta come compagno di bricconerie del protagonista Henry nell’Enrico IV, e la cui comicità risultò così brillante alla regina Elisabetta I di Inghilterra che la sovrana chiese a Shakespeare di fare di Sir John Falstaff un personaggio completamente a sé. Così il maestro scrisse "in quattordici giorni" la commedia che oggi, al Globe Theatre di Roma, racconta gli stratagemmi di uno squattrinato fannullone, Sir John Falstaff appunto, elaborati per “rimorchiare” due ricche dame e farsi mantenere, senza aver fatto i conti con Madre Natura. La commedia fedele al classico shakespeariano del racconto in parallelo, mette altresì in scena tentativi di una giovane chiamata Anna Page, di sfuggire al matrimonio impostole dai genitori. Storie d’altri tempi sicuramente che congelano però gli stereotipi di vizi, temperamenti e modi di fare e pensare, rintracciabili in ogni società ed ogni epoca. 

La comemdia Falstaff e Le Allegre Comari di Winsor si presenta con un linguaggio “colloquiale” immediatamente condivisibile dal pubblico, anche grazie alla traduzione dal canovaccio inglese originale di Filippo Ottoni.
Dal 9 al 26 agosto, invece, tradotto da Masolino D’Amico e diretto da Daniele Salvo andrà in scena Giulio Cesare, impersonato dal celebre Giorgio Albertazzi, della serie “l'intensità dell'interpretazione accresce con l’esperienza”. Infine, dal 7 settembre sul palcoscenico del Globe andrà in scena “Come vi Piace”, commedia appassionante già nella  versione inglese, figuriamoci in quella italiana tradotta da Agostino Lombardo, per la regia di Marco Carniti, con musiche originali di Arturo Annecchino a chiudere anche questa stagione del “tutto esaurito” al Globe Theatre di Roma.

 
 

[23-07-2012]

 
Lascia il tuo commento
 
 
 
  CORRELATE