Giornale di informazione di Roma - Mercoledi 28 settembre 2016
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Tecnologie
 
» Prima Pagina » Tecnologie
 
 

Nexus 7, il primo Tablet di Google

Arriva anche in italia il nuovo tablet “made in Google”.  Dimensioni contenute e prezzo accattivante sono le sue armi principali per districarsi in un mercato, quello dei tablet, ormai saturo. Nonostante la concorrenza con l’iPad di Apple e il Kindle Fire di Amazon, Google è riuscita a produrre un dispositivo compatto ad un prezzo competitivo.
Il Nexus 7 si presenta con l’ultima versione del sistema operativo android Jelly Bean, capace di sfruttare al massimo le potenzialità del processore Quad-core di cui è munito. Il nuovo sistema operativo porta con sé nuove features  tra cui la ricerca vocale, integrata nel nuovo sistema di assistenza automatica denominato Google Now, che risponderà a tutte le vostre domande. Tra i software pre-installati troviamo anche Google Chrome che, sincronizzato con il browser del pc, vi consentirà di avere a portata di mano la cronologia, i preferiti, le vostre ricerche.

Nexus 7HARDWARE
Non è un caso che Google sia arrivata così in ritardo nel mercato dei Tablet. L’uscita del Nexus 7 è frutto di un’attenta analisi di mercato che ha portato alla scelta di determinate soluzioni tecniche ed estetiche.
Lo schermo da 7 pollici risulta la soluzione migliore, poco ingombrante e decisamente più ergonomico di un 10 pollici.
Il Nexus 7 non presenta una Cam posteriore né il modulo per la connessione 3G. Due scelte dettate da uno studio sull’utilizzo dei tablet già in commercio.  Molti hanno gridato allo scandalo, personalmente mi trovo in accordo con le scelte di Google.  La connessione dati in Italia non è certo economica e nella maggioranza dei casi risulta lenta e discontinua. Chi possiede un Tablet  per lavorare, per caricare file nel proprio cloud, per videochiamare o semplicemente per vedere un film in streaming preferisce di gran lunga una connessione Wi-Fi, più stabile e veloce. Riguardo la camera posteriore ci sarebbero dei pro edei contro, tutto dipende dall’uso quotidiano.
Altro assente degno di nota è lo slot SD per l’inserimento di una memoria esterna.  Anche qui Google si è giustificata affermando che si tratta di un problema “logistico” del sistema. Il tablet offre 8 – 16 Gb di memoria interna che, uniti ai vari servizi di cloud, posso tranquillamente far dimenticare una schedina SD.

Sotto la scocca troviamo un processore Tegra 3 quad-core da 1,3 GHz, e 1Gb di RAM. Completano la dotazione una Cam anteriore, modulo Wi-Fi, bluetooth, microfono per le videochiamate, GPS e tutti i sensori presenti  nei tablet di fascia alta.  La batteria da 4.325 mAh garantisce un’ottima durata con un utilizzo medio, superando tranquillamente la giornata lavorativa.


PREZZO
Il modello che arriverà in Italia sarà quello da 16Gb a 249€ con disponibilità a partire da metà agosto. Un prezzo decisamente competitivo che sbaraglia la concorrenza.  Nonostante sia realizzato da Asus parliamo di un prodotto Google che da sempre è sintomo di qualità software. Tutti i dispositivi “Google”, infatti,  sono sempre i primi a ricevere aggiornamenti di sistema e piccole migliorie. Un esempio fra tutti è la disponibilità del nuovo sistema Jelly Bean per il Galaxy Nexus, smartphone Google lanciato 6 mesi fa.
Il nuovo Galaxy S III invece, ultimo gioiello Samsung, è ancora in attesa.

Per consigli o segnalazioni scrivete a: tecknologie@corriereromano.it
Stefano Soriano
 
 

[16-07-2012]

 
Lascia il tuo commento