Giornale di informazione di Roma - Domenica 25 settembre 2016
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Politica Roma
 
» Prima Pagina » Politica Roma
 
 

Dossier Pdl contro Zingaretti

il documento contesta le "spese pazze del Presidente della Provincia"

Inizia ufficialmente la campagna elettorale che dovrà eleggere il futuro sindaco di Roma.  Nel giorno in cui Nicola Zingaretti presenta il bilancio dei suoi quattro anni di amministrazione, il Pdl si muove d’anticipo presentando un proprio dossier sul presidente della Provincia. “La vera storia dell’amministrazione Zingaretti” è un condensato di lavoro dell’opposizione svolta nei quattro anni di consiliatura di centrosinistra.

Il piccolo dossier, una trentina di pagine in tutto, è articolato in 7 capitoli e contesta le scelte della giunta provinciale sull'edilizia scolastica ("il 90% degli istituti non è a norma"), sulla viabilità ("cartellonistica selvaggia"), sul sociale (tra cui "il WiFi più costoso d'Europa"), sulle spese in somma urgenza e società in house, sul patrimonio, sulla "farsa della Consulta Antimafia" e, infine, sulle "spese pazze di Zingaretti". Su quest'ultimo punto, il gruppo Pdl cita il monitoraggio hotspot WiFi (260.000 euro l'anno), il pacchetto eventi per enoteca provinciale (450.000 in tre anni), degustazione prodotti tipici (260.000 euro), newsletter Provinz (296.340 euro), progetto informatico Comnet, "fermo alla fase progettuale" (2.094.949 euro alla società Xait), opuscoli e conferenze per studiare il fenomeno della città metropolitana: 12 approfondimenti costati 80.000 euro l'uno (960.000 euro totali).

Alla conferenza stampa del gruppo Pdl erano presenti, tra gli altri, il coordinatore Pdl del Lazio, Vincenzo Piso, il coordinatore Pdl di Roma, Gianni Sammarco, e il capogruppo Pdl alla Provincia di Roma, Andrea Simonelli. "Siamo qui - ha dichiarato Simonelli - per dire che il modus operandi di Zingaretti non è stato orientato all'efficienza e alla sobrietà, e la questione della nuova sede della Provincia è solo la punta dell'iceberg. Su molti temi non ci siamo limitati a fare denunce: abbiamo fatto proposte, mozioni ed emendamenti al bilancio. Oltre al dossier che presentiamo oggi - ha aggiunto Simonelli - stiamo valutand un'iniziativa a settembre per diffondere questo documento sul territorio di Roma e Provincia". Il coordinatore regionale Vincenzo Piso ha sottolineato che "la Provincia è un'istituzione che gode di un cono d'ombra dovuto a limiti di competenze e all'ombra che gli proiettano gli enti più pesanti, cioè il Comune e la Regione. Di questo cono d'ombra ha potuto fruire il presidente Zingaretti, che si nasconde rispetto alle sue competenze e non manca mai un'occasione per fare il grillo parlante sulle mancanze degli altri". Sul dossier Piso ha spiegato che "non è questione di fare polemica politica: io credo che, se bisogna rappresentare una nuova classe dirigente capace di affrontare i problemi della nostra città, della provincia e della regione, bisogna saper fare un salto di qualità e avere la coerenza di coniugare quello che si dice quando si è all'opposizione con quello che si va a fare quando si è al governo di un'istituzione. Credo - ha concluso Piso - che sotto questo punto di vista la Provincia di Roma abbia fallito".

[16-07-2012]

 
Lascia il tuo commento