Giornale di informazione di Roma - Domenica 25 settembre 2016
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cronaca Roma
 
» Prima Pagina » Cronaca Roma
 
 

Aggredì troupe di Striscia, arrestato medico romano

l'aggressione il 15 maggio scorso al Quadraro. Il 76enne è accusato anche di violenza sessuale

Un medico romano di 76 anni, del qurtiere Quadraro, è stato arrestato con l'accusa di violenza sessuale, lesioni personali, violenza privata e danneggiamento. Il medico di base, ora agli arresti domiciliari, lo scorso 15 maggio aggredì un inviato di Striscia la Notizia ed i componenti della sua troupe. Il professionista, ribattezzato "toccaccione" dal programma tv che lo aveva ripreso con una telecamera nascosta mentre palpeggiava una giovane paziente, palpeggiava le sue clienti in tutto il corpo con il pretesto di sottoporle ad un'accurata visita, preliminare alla stesura di una dieta.

A mettere gli autori del programma di Antonio Ricci sulle tracce dell'uomo erano state alcune segnalazioni che descrivevano le "particolari" modalità con cui svolgeva le visite nel suo ambulatorio di via Gaio Melisso, al Quadraro. L'uomo, in un prolungato scatto d'ira durante le domande dell'inviato di Striscia, strattonò e prese a schiaffi e pugni il giornalista e i suoi cameraman prima di colpirli con i pesanti cavi audio strappati da una delle telecamere: l'aggressione proseguì in strada tra lo stupore dei numerosi passanti. Oltre a procurare lesioni a Ghione e ai componenti della troupe, il 76enne ne mandò in frantumi le attrezzature tecniche. Per questi motivi, a seguito della denuncia sporta dalle vittime del pestaggio e da una 24enne che in aprile e in maggio aveva ricevuto le "particolari attenzioni" del dottore, e sulla scorta degli accertamenti eseguiti dai carabinieri, d'intesa con il pm che ha diretto le indagini, Antonio Calaresu, è stato richiesto il provvedimento restrittivo nei confronti del medico.

[14-07-2012]

 
Lascia il tuo commento