Giornale di informazione di Roma - Mercoledi 28 settembre 2016
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cinema
 
» Prima Pagina » Cinema
 
 

C'era una volta in Anatolia

di Nuri Bilge Ceylan. Con Yilmaz Erdogan, Taner Birsel

di Alessio Palma

In una remota zona della provincia turca, un procuratore, un medico legale, un commissario e altri membri delle forze dell’ordine, scortano due fratelli colpevoli di omicidio fino al luogo dove hanno seppellito il corpo della vittima. Ma ritrovare il cadavere non è così facile e l’indagine svela, poco a poco, il carattere di ognuno.

Sesto lungometraggio del regista turco Nuri Bilge Ceylan, C’ERA UNA VOLTA IN ANATOLIA ha conquistato il Gran premio della Giuria al Festival di Cannes 2011. Le sue premesse, quelle di una tradizionale indagine poliziesca, vengono da subito poste in secondo piano. Più del ritrovamento del corpo e del movente dell’omicidio, il racconto tende a far emergere la psicologia dei personaggi mediante un’accorta dilatazione dei tempi (il film dura 150 minuti).

Questa deliberata lentezza, tuttavia, trova una sua giustificazione nello scavo sempre più spietato operato sul vissuto dei protagonisti, che giunge a esiti di grande intensità emotiva, come dimostra l’ultima parte del film che chiarisce anche chi è il vero protagonista della vicenda. Ceylan fa un cinema dalle esplicite intenzioni autoriali e non nasconde i suoi ingombranti riferimenti: Cechov, per quanto riguarda i dialoghi e l’impianto drammaturgico, cui si potrebbero accostare Antonioni e soprattutto Tarkovskij in relazione ad uno stile di regia solenne e ieratico, di grande controllo formale, attento ad esaltare nella grandezza del formato panoramico anche i particolari in apparenza insignificanti.

Le simbologie a volte non sono così originali (la mela che rotola nel ruscello, il bellissimo volto femminile illuminato dalla candela durante la notte passata al villaggio), eppure, inserite in un racconto di genere come questo, non risultano mai pesanti o insistite. E Ceylan riesce, dietro la consueta struttura del giallo, a dar vita ad una riflessione profonda e toccante sulla giustizia, la colpa e l’umana debolezza.
 



votanti: 2
Secondo te quanti euro merita??
 
 
TAG: - Ceylan
 

[06-07-2012]

 
Lascia il tuo commento