Giornale di informazione di Roma - Domenica 25 settembre 2016
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cinema
 
» Prima Pagina » Cinema
 
 

Detachment - Il distacco

di Tony Kaye. Con Adrien Brody, Marcia Gay Harden

di Clelia Verde

Henry Barthes, supplente di letteratura al liceo, è un uomo solitario la cui vita verrà sconvolta da un nuovo incarico  in una degradata scuola pubblica di periferia e dall’incontro con Erica, prostituta adolescente scappata di casa.

Nuova pellicola del regista inglese Tony Kaye - AMERICAN HISTORY X - che ha anche realizzato diversi video musicali iconici, scritta da Carl Lund, non a caso un ex insegnante di scuola pubblica sbarcato a Los Angeles. Protagonista Adrien Brody, Premio Oscar come miglior attore per l’interpretazione di un sopravvissuto all’olocausto nel film IL PIANISTA di Roman Polanski.

La pellicola ha una vocazione poetica: si comincia con una citazione di Albert Camus - “così distaccato da me stesso e così presente nel mondo” - e si chiude con una lettura da La caduta della casa degli Usher di Edgar Allan Poe. Il distacco cui si fa riferimento nel titolo è la condizione in cui si trova il supplente Henry Barthes, lontano dal sistema ormai marcio della scuola pubblica americana e nell’impossibilità di stabilire relazioni convenzionali: riuscirà tuttavia a ricollegarsi con se stesso grazie al rapporto instaurato con alcuni suoi studenti, con una giovane prostituta e con l’anziano nonno che visita regolarmente.

Adrien Brody è il motivo per andare a vedere questo film, assieme alla colonna sonora (bellissima la sequenza con Empty, di Ray LaMontagne) e ad una fotografia essenziale ma incisiva (già mitica la scena in cui Henry e la prostituta, in uno dei primi dialoghi, sono adagiati a un muro di mattoni intonacato di rosso). Purtroppo l’espediente di tenerci a lungo all’oscuro della vita di Henry (fatta eccezione per alcuni piccoli flashback) non sempre paga e il film diventa a tratti tedioso; non aiuta lo stile documentaristico né la critica al sistema scolastico che, a volte superficiale e a volte troppo distante dai fatti della vita di Henry, ci porta al finale con troppi alti e bassi.
 



votanti: 6
Secondo te quanti euro merita??
 
 
TAG: - kaye - brody
 

[20-06-2012]

 
Lascia il tuo commento
 
 
 
  CORRELATE