Giornale di informazione di Roma - Martedi 27 settembre 2016
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cronaca Roma
 
» Prima Pagina » Cronaca Roma
 
 

E' morta Carla Verbano, i killer del figlio non hanno ancora un nome

il figlio Valerio fu assassinato a 19 anni da neofascisti il 22 febbraio dell'80

Dopo 32 anni di lotta alla ricerca di verità e giustizia per l'uccisione del figlio Valerio, è morta martedì sera Carla Zappelli Verbano. Il 22 febbraio del 1980, in via Monte Bianco, nel quartiere Montesacro, tre uomini coperti da un passamontagna e armati di pistola riuscirono ad entrare nella sua abitazione con lo scopo deliberato di ucciderne il figlio, Valerio, allora 19enne. Il ragazzo, appartenente ad un collettivo studentesco di sinistra, aveva completato un'inchiesta sui rapporti tra gruppi neofascisti romani e criminalità organizzata, tra cui la Banda della Magliana.

Valerio Verbano aveva condotto indagini personali e redatto un fascicolo, detto "dossier Nar", in cui aveva raccolto molte informazioni e documentazione fotografica sull'estremismo di destra romano, con nomi, foto, luoghi di riunione, amicizie politiche e presunti legami con gli apparati statali. Dossier poi sparito dagli archivi della polizia, dopo essere stato prelevato a seguito di una perquisizione. In quell'occasione Valerio era stato condotto in arresto per "costruzione di materiale incendiario". L'anno successivo l'uccisione brutale: alle 13,40 del 22 febbraio 1980, al ritorno da scuola, il ragazzo fu assalito da tre malviventi. Ne riuscì a disarmare uno ma, nel tentativo di fuggire dalla finestra dell'appartamento, fu raggiunto da un colpo di pistola alla schiena che gli perforò l'intestino, provocandone la morte dopo alcuni istanti.

Da qui l'inizio della battaglia della madre Carla: "Vorrei sapere prima di morire chi ha ucciso Valerio. Vorrei che i colpevoli bussassero alla mia porta per vederli e chiedere loro 'perché l'avete ucciso?' Io li aspetto", aveva più volte affermato. Ma trent'anni di indagini e dichiarazioni di pentiti non sono stati sufficienti a stabilire le responsabilità dell'omicidio. Carla Verbano muore all'età di 88 anni senza avere giustizia. La camera ardente sarà allestita giovedì nella palestra intitolata al figlio – in via Isole Curzolane, dalle 10 alle 15.
 
 

[05-06-2012]

 
Lascia il tuo commento
 
 
 
  CORRELATE