Giornale di informazione di Roma - Martedi 27 settembre 2016
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Il pallonaro Roma
 
» Prima Pagina » Sport Roma » Il pallonaro Roma
 
 

Roma, Zeman: "Avevo promesso che sarei tornato"

Prima conferenza stampa a Trigoria da neo tecnico giallorosso per il boemo

"Sono contento, ringrazio la società che ha fiducia in me e che mi ha portato di nuovo a Roma". Sono le prime parole di Zdenek Zeman da nuovo allenatore della formazione giallorossa. "Nel '99 quando me ne andai dissi a qualche amico che prima o poi io sarei tornato. Ringrazio questa società che mi ha fatto tornare anche se un pò in ritardo", dice il tecnico boemo. "Spero si riuscirà a collaborare e a costruire qualcosa insieme perchè voi avete una parte importante", aggiunge rivolgendosi ai giornalisti. E a chi domanda se in passato era già stato vicino al ritorno risponde: "C'è scritto in qualche interrogatorio del 2006 che ero abbastanza vicino ma che non si poteva...".

"Divertire la gente e dare emozioni ai tifosi. Queste ultime possono essere di due tipi, ma si tratta sempre di emozioni". Questi sono gli obiettivi che si prefigge Zeman. "Il mio gioco è cambiato? A me conviene dire di sì, però poi parlerà il campo". Non porta rancore per l'allontanamento dal grande calcio, seguito ad alcune sue denunce: "Sono stato penalizzato, ma ho fatto calcio, magari ad Avellino e Foggia, comunque mi sono divertito. Rabbia? No, dico solo peccato perchè pensavo di poter dare qualcosa di più". Ci saranno punti di contatto con la Roma di Luis Enrique? "Tredici anni fa c'erano squadre che vincevano Champions e coppe europee. Ora le squadre italiane hanno lasciato spazio a quelle spagnole e inglesi, esiste un gap. Io credo che ogni allenatore ha le sue idee, io sono un pò più proiettato verso la porta avversaria". Su Totti: "Totti è tesserato come calciatore, mi aspetto che faccia il calciatore e di gestirlo come il resto della squadra".

 
TAG: Roma - Zeman - boemo
 

[05-06-2012]

 
Lascia il tuo commento
 
 
 
  CORRELATE