Giornale di informazione di Roma - Sabato 16 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Politica Roma
 
» Prima Pagina » Politica Roma
 
 

Storace vuole lasciare AN

''Non c'è più spazio per discutere nel partito''

“Non c’è più spazio per discutere in un partito intriso solo di carrierismo e governato dalla paura”. Francesco Storace con una lunga lettera, piena di parole dure, annuncia il suo addio all’assemblea di alleanza nazionale.

L’ex governatore del Lazio ed ex ministro del governo Berlusconi, un tempo delfino di Gianfranco Fini, oggi si scaglia proprio contro il leader del suo partito accusato di una gestione monocratica, capace solo di contornarsi di fedelissimi scondinzolanti.
È amareggiato storace e se la prende anche con i compagni di partito che in privato gli danno ragione, dicono di condividere il suo stesso malessere ma in pubblico tacciono nella speranza di ottenere qualcosa, magari un seggio parlamentare in futuro.
Non c’è più la destra – dice - quella che lui ha sempre cercato.  E destra sarà forse proprio il nome del nuvo movimento che fonderà appena lasciata via della scrofa. Sembra che abbia già incassato il sostegno di silvio berlusconi che da tempo gli propone, senza successo, di entrare in forza italia. Del nuovo partito entrerebbero a far parte daniela santanchè, una delle poche per cui nella lettera spende parole di stima e l’ex consigliere comunale fabio sabbatani schiuma.

La missiva che epurator, come lo chiamavano un tempo i suoi, ha inviato al presidente dell’assemblea nazionale franceco servello ha avuto per il momento soltanto una risposta scritta definita dal diretto interessato fredda e burocratica.
 “si è fatto interprete di un sentimento diffuso, le sue posizioni non potranno essere ignorate e neppure criminalizzate” è il commento di teodoro buontempo, un altro i cui atteggiamenti sono stati spesso discussi all’interno di An.

E intanto c’è già chi giura che lo strappo sarà ricucito dallo stesso fini che sarebbe al lavoro proprio per allentare le tensioni. Ma il suo silenzio accentua il gelo di queste ore  e la reazione di Storace è ancora una volta secca: “An è ormai un partito dove si vive solo nel culto dell’oligarchia, non c’è più nessuna capacità autocritica, né luoghi dove dibattere"

[31-05-2007]

 
Lascia il tuo commento