Giornale di informazione di Roma - Venerdi 30 settembre 2016
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
A tutto gas
 
» Prima Pagina » Sport Roma » A tutto gas
 
 

SBK, Checa e Melandri si dividono gli USA. Biaggi leader mondiale

Lo spagnolo vince gara1, poi cade e lascia a Melandri gara2. Per Biaggi due podi e testa della classifica

Carlos Checa (Althea Racing Ducati) e Marco Melandri (BMW Motorrad Motorsport) si sono divisi la scena nel Gp Usa, tappa americana del mondiale Superbike. Davanti a 49mila spettatori lo spagnolo, 24 successi, ha regalato alla Ducati il trionfo numero 311 nella storia del mondiale, precedendo Marco Melandri e Max Biaggi. "È stato fantastico, è sempre un grande piacere venire in America. È importante per me vincere ancora, salire sul podio, sono sensazioni grandiose che ritornano. Oggi è un giorno speciale per l'America, il Memorial Day, quindi voglio dedicare la vittoria a questo pubblico".
 
La seconda manche, con Checa di nuovo al comando, è stata interrotta al quarto giro per la scivolata senza danni fisici di Hiroshi Aoyama che ha lasciato olio in pista. Ripristinato l'asfalto, la gara è ripartita su 18 giri (invece di 21). Lo spagnolo ha ripreso la testa della corsa ma al settimo giro è scivolato, senza conseguenze, lasciando la posizione a Melandri, poi raggiunto da Rea. Il duello si è deciso all'ultimo giro con Melandri che festeggia il sesto successo. Terzo posto per Max Biaggi (doppio podio per il pilota romano). "È stata una bellissima vittoria, un pò fortunata perchè senza la caduta di Checa avrei dovuto accontentarmi del secondo posto. Sarebbe stato comunque un risultato magnifico su questa pista".

BIAGGI - "Due buone gare anche se le prime fasi concitate ci hanno fatto perdere un pò di terreno. Sono riuscito a recuperare bene fino al terzo gradino del podio, purtroppo i sorpassi e le battaglie non ti fanno girare come potresti invece avendo strada libera. Lasciamo gli Stati Uniti davanti in classifica, ma come dimostrano le ultime gare BMW e Honda sono cresciute molto. Dobbiamo migliorare anche noi la nostra moto, perchè i progressi degli avversari si vedono".
 
 

[29-05-2012]

 
Lascia il tuo commento
 
 
 
  CORRELATE