Giornale di informazione di Roma - Sabato 21 ottobre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Sport Roma
 
» Prima Pagina » Sport Roma
 
 

Calcioscommesse, in manette Stefano Mauri, 19 arresti

indagato l'allenatore della Juve Conte. Blitz a Coverciano

ll capitano della Lazio, Stefano Mauri, è stato arrestato all'alba nell'ambito dell'inchiesta sul calcioscommesse condotta dalla Procura di Cremona. Mauri è accusato di associazione a delinquere finalizzata alla truffa. Gli investigatori avrebbero ricostruito che Mauri era disponibile, in cambio di denaro, a combinare gli incontri delle loro rispettive squadre. Sarebbero stati anche accertati diversi contatti con gli esponenti dell'organizzazione criminale. Con lui, nell'inchiesta "Last Bet", sono finite in manette altre 18 persone tra cui l'ex capitano del Genoa Omar Milanetto ed il centravanti della Sampdoria, Christian Bertani, oltre a una serie di giocatori di B e di esponenti dell'organizzazione criminale internazionale. In una prima fase dell'inchiesta nel giugno 2011, erano state arrestate altre 16 persone, tra cui Beppe Signori. L'ex bomber della Nazionale e il calciatore Luigi Sartor.

Anche l'allenatore della Juventus, Antonio Conte, sarebbe indagato per vicende relative al periodo in cui era allenatore del Siena. È stato in particolare il calciatore Filippo Carobbio a chiamarlo in causa per Novara-Siena del 30 aprile 2011. "Lo stesso allenatore Antonio Conte - aveva raccontato Carobbio - ci rappresentò che potevamo stare tranquilli in quanto avevamo raggiunto l'accordo con il Novara per il pareggio".

La Polizia ha effettuato perquisizioni anche a Coverciano, nel ritiro della Nazionale, per l'ex difensore del Genoa, oggi allo Zenit San Pietroburgo, Domenico Criscito che è tra gli indagati.

Il Gip Guido Salvini ha emesso complessivamente 19 provvedimenti, uno in meno delle richieste del pm: la procura infatti aveva chiesto anche l'arresto dell'attaccante del Genoa Giuseppe Sculli. Dei 19 provvedimenti, 14 sono ordinanze di custodia cautelare in carcere, 3 agli arresti domiciliari e 2 provvedimenti di obbligo di presentazione all'autorità giudiziaria. I destinatari sono cinque cittadini ungheresi, 11 tra calciatori ed ex giocatori, e tre soggetti legati a dei calciatori. Ecco nel dettaglio i provvedimenti. STEFANO MAURI (giocatore della Lazio - custodia cautelare in carcere) OMAR

MILANETTO (ex giocatore Genoa, ora al Padova - custodia cautelare in carcere); KEWULLAH CONTEH (ex giocatore del Piacenza - obbligo presentazione); JOSE INACIO JOELSON (giocatore del Pergocrema - arresti domiciliari); ALESSANDRO PELLICORI (giocatore svincolato del Queen's Park Rangers - custodia cautelare in carcere); PAOLO DOMENICO ACERBIS (giocatore del Vicenza - custodia cautelare in carcere) IVAN TISCI (ex calciatore - custodia cautelare in carcere); FRANCESCO RUOPOLO (calciatore del Padova - obbligo presentazione); MARCO TURATI (giocatore del Modena; custodia cautelare in carcere); CRISTIAN BERTANI (ex giocatore del Novara, ora alla Sampdoria - custodia cautelare in carcere); ZOLTAN KENESEI (cittadino ungherese, già detenuto in Ungheria); MATYAS LAZAR (cittadino ungherese gi… detenuto in Ungheria - custodia cautelare in carcere); LAZLO SCHULTZ (cittadino ungherese gi… detenuto in Ungheria - custodia cautelare in carcere); LASLO STRASSER (cittadino ungherese - custodia cautelare in carcere); ISTVAN BORGULYA (cittadino ungherese - custodia cautelare in carcere) VITTORIO GATTI (custodia cautelare in carcere) LUCA BURINI (arresti domiciliari); DANIELE RAGONE (arrestidomiciliari).
 
 

[28-05-2012]

 
Lascia il tuo commento
 
 
 
  CORRELATE