Giornale di informazione di Roma - Martedi 27 settembre 2016
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cronaca Roma
 
» Prima Pagina » Cronaca Roma
 
 

Assemblea capitolina rinviata, lutto per vittime terremoto ed attentato a Brindisi

ancora polemiche sulla vendita 21% azioni Acea a privati

Assemblea capitolina rinviata, e questa non è una novità. Il lavoro sull’analisi degli emendamenti su bilancio, holding e vendita di parte delle azioni Acea ai privati è stato rimandato a mercoledì mattina. Stavolta non per mancanza di fotocopie o del numero legale dei componenti, bensì in segno di lutto per le vittime del terremoto che ieri ha colpito l’Emilia Romagna e di sdegno per l’attentato di sabato scorso a Brindisi che ha provocato la morte della giovane studentessa Melissa.

"Per il tragico attentato di Brindisi -ha detto il capogruppo Pd Umberto Marroni- l'assemblea ha fatto un minuto di silenzio in ricordo di Melissa e per condannare questo attentato inaccettabile. Abbiamo quindi aggiornato la seduta a mercoledì".

Al presidente del consiglio comunale Marco Pomarici è andato il plauso del sindaco alemanno, che apre alla posibilita’ di inviare aiuti alle località colpite dal sisma. "Voglio rivolgere il mio plauso al presidente dell’Assemblea Capitolina, Marco Pomarici, e a tutti i consiglieri per la decisione di rinviare la seduta odierna in segno di lutto e vicinanza per l’attentato di Brindisi e il terremoto che ha colpito le popolazioni dell’Emilia. Credo sia un gesto importante che testimonia in maniera semplice e chiara la partecipazione sentita delle istituzioni di Roma a queste due tremende tragedie".

Intanto in aula Giulio Cesare non si respira aria di accordo tra maggioranza e opposizione sull’ordine del giorno che verrà riproposto mercoledì in Assemblea capitolina. In particolare sul punto relativo alla vendita del 21% delle azioni Acea, in merito al quale esiste persino un dibattito in seno alla stessa maggioranza. "C'è un dibattito anche in maggioranza -spiega Federico Mollicone, presidente Commissione Cultura Roma Capitale- il confronto è necessario poiché non tutti sono convinti che si debba dismettere il 21% di Acea ma si potrebbe limitare questa vendita all'11%".

 
 

[21-05-2012]

 
Lascia il tuo commento
 
 
 
  CORRELATE