Giornale di informazione di Roma - Mercoledi 28 settembre 2016
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cinema
 
» Prima Pagina » Cinema
 
 

Il pescatore di sogni

di Lasse Hallström. Con Ewan McGregor, Emily Blunt

di Francesco Picerno

Uno sceicco yemenita ha un grande sogno: introdurre la pesca al salmone nel proprio paese. Ad occuparsene sarà il governo britannico, mentre ad andare in missione nello Yemen ci penseranno lo scienziato Alfred e la bellissima Harriet, seducente funzionaria commerciale.

Lasse Hallstrom, regista svedese due volte candidato all’Oscar, torna nelle sale ad un anno esatto dal dramma sentimentale DEAR JOHN. Regista noto per i suoi polpettoni hollywoodiani in salsa melodrammatica, Hallstrom qui dirige una commedia che unisce risvolti sentimentali e umorismo tipicamente britannico ad un’accennata satira politica.

Al centro impazzano i due attori principali: un Ewan Mc Gregor meno in forma del solito e una radiosa Emily Blunt. Sono loro il fulcro che tiene in piedi il film, o meglio il sottotesto per far reggere la storia. Script che inizialmente appare fresco, specialmente per il ritmo svelto e ironico che sembra far funzionare tutti i personaggi di contorno, dallo sceicco al ministro britannico.

Nel momento in cui però la pellicola inizia a tratteggiare una storia romantica, raccontando il feeling che si instaura tra Alfred e Harriet, IL PESCATORE DI SOGNI da commedia ironica, diventa in un attimo un'accozzaglia di scene dalla dubbia sensibilità, scritte male e stucchevoli. Lo stesso finale, che dovrebbe significare la definitiva affermazione dei sogni di tutti i protagonisti principali, distrugge il film togliendone ogni riferimento interessante, trasformando il tutto in una commedia di basso bordo. Peccato per un regista che non è mai stato certo un artista di talento, ma che qua sembra essere caduto ancora più in basso.
 


Secondo te quanti euro merita??
 
 
 

[17-05-2012]

 
Lascia il tuo commento
 
 
 
  CORRELATE