Giornale di informazione di Roma - Martedi 27 settembre 2016
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cronaca Roma
 
» Prima Pagina » Cronaca Roma
 
 

Sparatoria a Finocchio, colpiti due fratelli

uno muore, l'altro gravemente ferito

Una lite per un debito di 10mila euro poi degenerata in una violenta sparatoria con un morto ed un ferito grave.
E’ successo nel pomeriggio in un deposito di automobili in via di Rocca Cencia 205, a Finoccio. Le vittime dell’agguato sono due fratelli Daniele ed Ermete Mencagli di 60 e 64 anni. Daniele è morto poco dopo il trasporto al policlinico Casilino per una ferita all’addome. Ancora in gravi condizioni il fratello Ermete, anche lui trasferito d’urgenza a Tor Vergata con tre proiettili nel torace.

A sparare sarebbe stato Giuseppe Canale, di 77 anni ed incensurato. L’uomo, dopo aver sparato ad i due fratelli che si sono riparati invano in un gabbiotto del deposito, ha tentato la fuga ma è stato arrestato dalla polizia a pochi chilometri da via di Rocca Cencia. La pistola non è stata trovata, l’aggressore probabilmente se ne è subito liberato.

A Roma si torna a sparare e a morire per un agguato a colpi di pistola. Questa volta però la malavita sembra non essere la matrice dell’omicidio. Alla base della sparatoria ci sarebbe un contenzioso economico tra l’aggressore ed i due fratelli vittime dell’agguato. “Daniele ed Ermete Mencagli dovevano ridare una parte di soldi per l’acquisto di un terreno – racconta un testimone- Sembra si fossero accordati con Canale ed invece il 70 enne ha deciso di farsi giustizia da solo”.

[03-05-2012]

 
Lascia il tuo commento