Giornale di informazione di Roma - Martedi 27 settembre 2016
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Altre di Cinema
 
» Prima Pagina » Cinema » Altre di Cinema
 
 

Rendez-Vous: imperdibile appuntamento con il cinema francese

Dal 17 al 22 Aprile il meglio della produzione francese contemporanea

Si inaugura domani la seconda edizione di “Rendez-Vous – Appuntamento con il nuovo cinema francese”, una delle rassegne più interessanti e dalla selezione più rigida dedicata al panorama produttivo d’Oltralpe. Un’occasione non solo per vedere film ancora inediti in Italia ma anche per recuperare alcune pellicole di notevole valore apprezzate al Festival del Cinema di Roma ma ancora non distribuite nel nostro paese.
L’offerta di questa seconda edizione appare particolarmente ricca e, come già dalla prima edizione, aperta sia a pellicole indipendenti sia a produzioni economicamente più “forti”, senza che questo sia (almeno in Francia) l’elemento discriminante per il successo al botteghino.

Dal 17 al 22 Aprile le proiezioni interesseranno quattro locations: cinema Fiamma, Casa del Cinema, Accademia di Francia – Villa Medici e il Centre Saint Louis. A fronte di un abbordabile biglietto di ingresso (4€ intero, 3€ ridotto) la possibilità non solo di godere della versione originale (con sottotitoli in italiano) delle pellicole ma anche di incontrare registi e attori prima delle proiezioni. Ogni film sarà, infatti, accompagnato da un componente del cast e da un “padrino” italiano”.

Difficile dare indicazioni allo spettatore, vista la varietà e l’eclettismo del programma. Di sicuro interesse “Une vie meilleure” di Cédric Kahn con uno straordinario Guillaume Canet e “Nuit Blanche”, polar registicamente impeccabile di Frédéric Jardin, entrambi visti alla scorsa edizione del Festival di Roma. Passati, non senza lodi, da Berlino invece “L’enfant d’en haut” di Ursula Meier (Orso d’Argento Speciale della Giuria) e “Les adieux à la reine” di Benoît Jacquot, entrambi con la nuova star d’Oltralpe Léa Seydoux.
Molto atteso anche “Cloclo” di Florent-Emilio Siri, presentato in contemporanea all’uscita francese nelle sale. Il film ripercorre la vita di una vera e propria icona della musica francese, splendidamente interpretato da Jérémie Rénier. Si è sentito molto parlare anche di “L’amour dure trois ans”, esordio alla regia di Frédéric Beigbeder tratto dal suo omonimo romanzo. Beigbeder è più noto, forse, in Italia come l’autore del libro “Lire 26.900” sullo spietato mondo della pubblicità.

Una finestra a parte meritano “Une vie de chat”, film d’animazione di Alain Gagnol e Jean-Loup Felicioli realizzato con pastelli a cera acquerellabili e commentato da sax jazz. Un film non solo per bambini e ragazzi, come d’altra parte da tempo ci ha abituato la scuola d’animazione francese. Ugualmente trasversale “La nouvelle guerre des boutons” di Christophe Barratier, remake del celeberrimo (in Francia) film di Samuell, a sua volta tratto da un classico per bambini di Pergaud. Nel cast Guillaume Canet e Letitia Casta.


 
 

[16-04-2012]

 
Lascia il tuo commento