Giornale di informazione di Roma - Sabato 01 ottobre 2016
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cronaca Roma
 
» Prima Pagina » Cronaca Roma
 
 

Metro B1 in ritardo, apertura slitta a giugno

doveva aprire a fine aprile ma ancora in fase di collaudi

Nell’ultima visita al cantiere della metro B1, nel novembre scorso, il sindaco Alemanno e il presidente della camera Gianfranco Fini si augurarono l’entrata in funzione della tratta entro febbraio 2012. Ma per usufruire del servizio della B1, che collegherà piazza Bologna a Conca D’Oro, bisognerà ancora aspettare. Pur essendo terminati i lavori mancano infatti ancora alcune rifiniture nelle stazioni e, soprattutto, ancora non è conclusa la fase di collaudo affidata alla commissione di agibilità del ministero delle Infrastrutture. Dopo l’ok della commissione l’Atac potrà iniziare la fase di pre esercizio della linea: una simulazione con treni vuoti che di norma dura dai 30 ai 60 giorni. Questa fase ancora non è iniziata quindi è probabile che i primi passeggeri saliranno nelle stazioni di piazza Annibaliano, viale Libia e piazza Conca D’Oro non prima di giugno o luglio, ben oltre la seconda previsione d’apertura per fine aprile.

La tratta Bologna - Ionio è stata finanziata con un investimento di 733 milioni, di cui 494 finanziati da Roma capitale e 239 dallo Stato. I lavori iniziarono nell’era Veltroni, nell’ottobre del 2006, per poi continuare con l’amministrazione Alemanno. L’assessore alla mobilità Antonello Aurigemma risponde così alle critiche dell’opposizione sui ritardi di consegna dell’opera. “I lavori hanno rispettato le tabelle di marcia –ha detto Aurigemma- per quanto riguarda il collaudo si tratta di un procedimento molto complesso”.
 
TAG: b1 - metro b1
 

[11-04-2012]

 
Lascia il tuo commento
 
 
 
  CORRELATE