Giornale di informazione di Roma - Giovedi 29 settembre 2016
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cinema
 
» Prima Pagina » Cinema
 
 

Piccole bugie tra amici

di Guillaume Canet. Con Francois Cluzet, Marion Cotillard

di Svevo Moltrasio

Con un compagno in ospedale, una comitiva di amici decide di non annullare la consueta vacanza estiva. Tra bagni e divertimenti, inevitabilmente, a singhiozzi, affiorerà la malinconia e anche la tristezza.

Guillaume Canet, quarantenne attore francese, da diversi anni si è scoperto regista con pellicole premiate in patria. Questo PICCOLE BUGIE TRA AMICI, uscito ormai due anni fa in Francia, è stato un successo al botteghino, mentre la critica nel complesso è stata piuttosto timida. Riunisce nel cast una grossa fetta dello star system francese compresi i premi Oscar Marion Cotillard e Jean Dujardin, nonché François Cluzet, protagonista del super successo QUASI AMICI.

L’intuizione su cui si regge la pellicola è decisamente classica, con un gruppo di amici che si ritrova in una vacanza collettiva destinata a far emergere delusioni e incoerenze nei diversi personaggi. Sullo sfondo, altro cliché, la tragedia. Canet sceglie di raccontare un’umanità variegata e numerosa, cercando di dare ad ogni personaggio un certo spessore, prendendosi tutto il tempo necessario – la durata complessiva non a caso raggiunge le due ore e mezza -. Così, nella migliore tradizione del cinema corale, l’attenzione resta alta e ogni divagazione narrativa non appare mai gratuita.

Inoltre Canet, non ossessionato dal ritratto generazionale, disinvolto nella messa in scena, dà prova di saper gestire le ambizioni di un racconto che alterna diversi momenti estremamente divertenti con altri fin troppo drammatici, supportato da un cast che in ogni volto e battuta riesce ad aggiungere qualcosa. In questo si segna il solco tra la produzione media francese e la nostra. Poco importa se alla fine la ricerca della lacrima sia fin troppo ostentata e che non ci sia un vero punto di vista profondo né particolarmente originale. Cinema medio, appunto. Comunque un cinema vivo. Nei suoi pregi e difetti.
 



votanti: 1
Secondo te quanti euro merita??
 
 
 

[05-04-2012]

 
Lascia il tuo commento
 
 
 
  CORRELATE