Giornale di informazione di Roma - Domenica 17 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cronaca Roma
 
» Prima Pagina » Cronaca Roma
 
 

Giornalisti contro Mastella

protesta in centro contro il disegno di legge sulle intercettazioni

la protesta dei giornalisti

È terminato in tarda serata l'incontro in Senato tra il presidente di Palazzo Madama Franco Marini e la
delegazione dei giornalisti che questo pomeriggio sono scesi in corteo per protestare contro il ddl Mastella sulle
intercettazioni,
approvato alla Camera dei deputati ed ora al vaglio a Palazzo Madama.

Oltre al segretario dell'Ordine dei giornalisti Vittorio Roidi e al presidente dell'unione nazionale cronisti italiani Guido Columba, all'incontro hanno partecipato anche il segretario della federazione nazionale della stampa italiana Paolo Serventi Longhi ed il presidente dell'Ordine dei giornalisti Lorenzo Del Boca. "Abbiamo chiesto al presidente del Senato Marini di aiutarci ad essere ascoltati dal presidente della commissione Giustizia Cesare Salvi per esprimere le nostre opinioni, per avanzare le nostre proposte di radicale modifica". Lo afferma al termine dell'incontro il segretario Fnsi Paolo Serventi Longhi.

Noi siamo consapevoli che non sarà un'azione facile, ma siamo assolutamente determinati ad andare fino in fondo, così
come continua la battaglia per il contratto sarà continua la battaglia per il diritto all'informazione". Parla "di consegna
dell'informazione nelle mani dei potenti" il presidente Odg Lorenzo Del Boca. "C'è un editore - spiega Del Boca - che ha
degli interessi forti che prescindono dall'informazione e che può avere interessi a spendere 100mila euro per raccontare una cosa che va a suo vantaggio e contro diretti competitori politici, industriali ed economici".

Del Boca in particolare si riferisce alle sanzioni penali ed economiche contenute nel disegno di legge del ministro di Grazia e giustizia Clemente Mastella "che prevede - ricorda Del Boca - da 1 a 4 anni di carcere e da 10 a 100mila euro di multa per chi pubblica informazioni vietate". 

 
 

[24-05-2007]

 
Lascia il tuo commento
 
 
 
  CORRELATE