Giornale di informazione di Roma - Mercoledi 28 settembre 2016
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cronaca Roma
 
» Prima Pagina » Cronaca Roma
 
 

Blitz al Colosseo, diffidati 30 centurioni

i figuranti annunciano: "Torneremo, o facciamo questo o ci buttiamo da Ponte Milvio"

Il Campidoglio dichiara guerra ai centurioni del Colosseo; questa mattina 80 vigili del Gruppo sicurezza pubblica ed emergenziale coordinati dal vice comandante Antonio Di Maggio, hanno controllato i “gladiatori” nella zona dell’Anfiteatro Flavio. 30 centurioni sono stati identificati e diffidati.

"Stiamo diffidando queste persone a non presentarsi più in queste aree archeologiche -spiega il vice comandante della polizia di Roma Capitale Antonio Di Maggio - poiché violano il principio del decoro urbano. L'amministrazione comunale ha dato un forte impulso a questa attività di controllo nel centro storico, soprattutto nelle aree archeologiche. Abbiamo apprestato con il comando del corpo, il I gruppo di polizia municipale, il gruppo sicurezza urbana, sicurezza pubblica ed il II gruppo ed il XVII, una vasta attività di controllo contro il degrado urbano e l'abusivismo commerciale. Questi controlli continueranno fino alla fine dell'anno".

Il giro di vite contro i centurioni arriva dopo le polemiche della Soprintendente ai Beni Archeologici Maria Rosaria Barbera che aveva lanciato il suo ultimatum all’Amministrazione capitolina affinché l’area venisse liberata da camion Bar, ambulanti e appunto centurioni a caccia di denaro in cambio di pose fotografiche. I gladiatori, però, assicurano che, nonostante le diffide, torneranno al loro posto visto che da circa 18 anni sono in “posa” al Colosseo
"Continuerò a fare il centurione -racconta un ragazzo di circa 30 anni che lo fa per vivere - di certo non sto rubando niente. Ho una bambina di un anno e mia moglie è incinta di tre mesi". "Ho solo questo; o faccio questo -dice un altro "centurione" quasi in lacrime- o mi butto da ponte Milvio".

La polizia municipale ha quindi iniziato ad allontanare i figuranti travestiti da legionari romani che sono stati banditi a tempo indeterminato. Sui camion bar, invece, la posizione dell’amministrazione capitolina sembra più “morbida”. Gli ambulanti autorizzati, finita la festività di Pasqua, potranno tornare al loro posto.
 
 

[04-04-2012]

 
Lascia il tuo commento
 
 
 
  CORRELATE