Giornale di informazione di Roma - Venerdi 22 agosto 2014
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Slam dunk
 
» Prima Pagina » Sport Roma » Slam dunk
 
 

L'Acea Roma ancora in corsa

Finalmente una vittoria al supplementare. Superata Treviso.

Aveva cessato di battere, il cuore della Virtus Roma, quando a 26 secondi dalla fine del supplementare e sotto di due punti, coach Calvani chiamava il timeout per disegnare lo schema dell'ultimo, disperato, attacco. Ma come accade nelle soap opera e nei fumetti, la morte non è mai definitiva ed ecco che dal nulla spuntava il supereroe. Anzi due, e la vicenda terminava, inaspettatamente, col lieto fine per chi ama i colori blugiallorossi.

I novelli Batman e Robin non erano altri che Fabio Facchini, arbitro, e Sasha Djordjevic, allenatore della Benetton Treviso. Il loro teatrale, incomprensibile, surreale duello terminava con l'ovvia vittoria del primo (sia pure per interposta persona, con l'aiuto di uno dei suoi due assistenti, chè chiamare arbitri anche loro ci pare eccessivo), mentre il secondo si beccava nell'ordine fallo tecnico, espulsione e quattro tiri liberi contro, tutti peraltro a bersaglio. Quell'ultima famosa rimessa, quindi, Roma la effettuava sopra di due anzichè sotto di due, e c'è una bella differenza....
I falli sistematici successivi e i disperati tentativi dei trevigiani fissavano il punteggio sul 102-99 finale, e mai vittoria fu più determinata da chi dovrebbe solo gestire il gioco, e non deciderlo.

Detto questo, bisogna anche aggiungere che la vittoria virtussina non è affatto immeritata. Sempre avanti nel punteggio, i ragazzi di Calvani hanno toccato anche un massimo vantaggio di 15 punti, il 58-43 del 26'. Da quel momento, tuttavia, cominciava un altra partita, a causa di un altra incredibile decisione arbitrale, anche questa con pochi precedenti. Una chiara provocazione di Sani Becirovic andava totalmente a buon fine, con Clay Tucker che perdeva la testa e colpiva lievemente lo sloveno. La confusione arbitrale che ne scaturiva, partoriva l'espulsione del romano, mentre quella di Becirovic, seppure chiaramente segnalata al tavolo, abortiva misteriosamente.

Privata del suo leader, autore fin lì di 11 punti, tutti nel primo tempo e decisivi per l'allungo romano, l'Acea vedeva progressivamente assottigliarsi il proprio vantaggio, fino a perderlo del tutto a poco più di un minuto dalla fine dei 40', quando tre triple consecutive di un maestoso Marcus Goree consentivano il sorpasso ai veneti. Erano Datome e Varnado, precisi dalla lunetta, ad impattare la gara a 83, prima che l'ultimo tentativo di Becirovic si spegnesse sul ferro, dando vita all'ennesimo prolungamento di questa tormentata stagione virtussina. Ma se nelle precedenti occasioni erano arrivate altrettante sconfitte (Bologna, Varese, Avellino, Pesaro, le ultime tre in casa), questa volta la curiosa vicenda di cui sopra portava ad un diverso epilogo, lo ripetiamo, non del tutto immeritato.

Impoverita nelle rotazioni dalla cessione avvenuta in settimana di Nihad Dedovic al Galtasaray, Roma non ha avuto molto, come al solito, dai suoi uomini di regia, non tanto in termine di punti, quanto invece per l'organizzazione di gioco. Era proprio Tucker il play occulto della squadra romana, ed una volta estromesso dalla partita, il gioco d'attacco si è fatto sempre più confuso e casuale, specialmente contro la zona proposta da Djordjevic nel finale di partita, con lo scopo di limitare il più possibile le penetrazioni di Datome. E se il sardo è stato il miglior marcatore della Virtus con 23 punti, il vero uomo in più dei giallorossi è stato senza dubbio Jarvis Varnado, autore di una prova scintillante, con 20 punti, 9 rimbalzi, 7 falli subiti e 30 di valutazione. Uros Slokar ha degnamente affiancato il centro americano, cercando di limitare una batteria di lunghi trevigiana più numerosa e che ha potuto contare, oltre al citato e sempre immenso Goree, anche su un Benjamin Ortner a tratti dominante su entrambi i lati del campo.

Giunta in coda ad una partita comunque bella ed avvincente, la vittoria dell'Acea Roma è stata tanto rocambolesca quanto importante. La distanza dall'ottavo posto, l'ultimo utile per raggiungere i playoff, si è ridotta ad una sola vittoria, che potrebbe arrivare già sabato prossimo sul campo di Avellino, avanti in classifica ma di soli due punti. La sfida del sabato pasquale (ore 20.30) si presterebbe, per antonomasia, ad una sperabile, ulteriore, resurrezione...

Andrea De Paolis

[02-04-2012]

 
Lascia il tuo commento
 
 
 
 
 
 
 
 
pharmacie en ligne magicianlocator.com Please click here to buy buy viagra online viagra online Australia click here viagra online , viagra nfuwbfiubwcece434 rr , cialis ,http://ukfarmok.com/ offers a lot of quality viagra pills. Fastest delivery for you! Viagra UK Pharmacy