Giornale di informazione di Roma - Domenica 25 settembre 2016
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
libri & letteratura
 
» Prima Pagina » libri & letteratura
 
 

Gesų č pių forte della camorra

di Don Aniello Manganiello

Don Aniello non è mai stato disposto a subire prepotenze; il parroco campano sin dal suo arrivo a Scampia, nel 1994, si è subito messo in testa di poter cambiare le cose. E’ nata così una lotta serrata contro la camorra. Una battaglia quasi personale durata 16 anni ed in cui Don Aniello Manganiello è stato vicino agli abitanti del quartiere napoletano condividendone problemi e paure.

"Quando sono arrivato a Scampia ho preso atto della paura e della rassegnazione della gente. Gli abitanti erano ricattati continuamente dalla camorra ed erano sotto scacco anche per via del menefreghismo delle istituzioni e per la corruzione dei pubblici poteri della Campania e di Napoli. Non si poteva non agire e allora ho preso la camorra di petto e per questo ho avuto anche delle minacce. Ma lo rifarei ancora -spiega don Aniello- perché questo ha inoculato nella gente tanto coraggio. Tanti giovani hanno sposato i progetti educativi dell'oratorio e della parrocchia, progetti creati per strappare quanti più adolescenti possibile dalla camorra".

Nel 2010 Don Aniello, dopo l’ennesimo scontro con la comunità religiosa che non sempre ha condiviso i suoi metodi e la sua schiettezza, viene trasferito a Roma. Il parroco è costretto ad andar via nonostante le proteste degli abitanti di Scampia. Torna quindi nel quartiere Prati-Trionfale dove aveva già operato negli anni ’80. Proprio durante il periodo del suo ritorno a Roma decide, insieme al giornalista Andrea Manzi, di raccontare i 16 anni vissuti a Scampia; nasce così “Gesù è più forte della Camorra” in cui don Aniello racconta le redenzioni dei malavitosi, le battaglie per la legalità e la non violenza. Il libro, i cui proventi andranno in beneficenza, dopo 143 presentazioni in tutta Italia ha fatto tappa anche a Roma, alla sede Pd via Ignazio Silone, al Laurentino. Ora don Aniello avrà tre anni sabbatici per potersi dedicare a tempo pieno al racconto della sua esperienza, tenere lezioni di legalità nelle scuole e fondare un’associazione che possa aiutare i più deboli.

"Stiamo mettendo in cantiere un'associazione onlus per la legalità dal nome "Ultimi". Già il nome indica la finalità di questa associazione che vuole aiutare i più deboli. Speriamo poi che questa associazione possa diventare fondazione".

Titolo: Gesù è più forte della camorra
Autore: Don Aniello Manganiello
Editore: Rizzoli

[29-03-2012]

 
Lascia il tuo commento