Giornale di informazione di Roma - Venerdi 30 settembre 2016
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cronaca Roma
 
» Prima Pagina » Cronaca Roma
 
 

Truffa al fisco, fatture false per 45 milioni

dieci persone denunciate a piede libero. Vendevano motociclette senza pagare l'Iva

Avevano escogitato un sistema all’apparenza semplice e collaudato che permetteva di evadere l’Iva e rivendere motociclette a prezzi ribassati: in questo modo tre concessionarie della capitale hanno emesso e utilizzato fatture false per 45 milioni di euro, evadendo 10 milioni di Iva non versata. Dieci persone sono state denunciate a piede libero. Le indagini degli uomini del I gruppo di Roma della guardia di finanza sono durate quasi due anni e sono partite analizzando i movimenti finanziari di un rivenditore campano, che nel giro di poco tempo aveva aumentato notevolmente i propri guadagni.

Le fiamme gialle hanno così scoperto che lo stratagemma utilizzato, dopo alcuni tentativi, era diventato un vero e proprio sistema basato su otto imprese intestate a dei prestanome. Queste ditte acquistavano motocicli dai concessonari, e nel farlo presentavano ‘false dichiarazioni di intento’, secondo le quali avrebbero dovuto rivedere la merce all’estero evitando così l’addebito dell’imposta in fattura. Solo che le moto all’estero non ci andavano proprio e rimanevano invece a disposizione delle concessionarie, che in questo modo potevano rivenderle a prezzi inferiori rispetto a quelli di mercato. Nel corso degli accertamenti, i finanzieri hanno scoperto diciotto soggetti economici (tra società e ditte individuali) che operavano tra Roma e la provincia di Napoli. E' stata fondamentale la collaborazione delle case madri di produzione delle motociclette, che hanno messo a disposizione degli inquirenti informazioni utili per scoprire la truffa.

[29-03-2012]

 
Lascia il tuo commento
 
 
 
 
 
 
 
  • I video della notizia