Giornale di informazione di Roma - Sabato 01 ottobre 2016
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cronaca Roma
 
» Prima Pagina » Cronaca Roma
 
 

Traffico di coca dalla Colombia, 34 arresti

La merce veniva intercettata all'aeroporto di Fiumicino grazie alla complicitÓ di 3 dipendenti

 I Carabinieri del Comando Provinciale di Roma hanno disarticolato un sodalizio criminale composto da 50 persone che aveva allestito un grosso traffico internazionale di droga sulla direttrice Colombia-Italia con la complicità di 3 dipendenti infedeli di una società incaricata dei servizi di facchinaggio presso l’area di carico e scarico merci dello scalo aeroportuale di Fiumicino, che intercettavano i pacchi con la cocaina, appena sbarcati dagli aerei, riuscendo a sviare i controlli doganali. Dalle prime luci dell’alba, sono 250 i Carabinieri che stanno operando con il supporto di unità cinofile ed elicotteri. Decine e decine le perquisizioni tuttora in corso con il sequestro di un autodemolitore, una sala scommesse e un solarium, utilizzati quali luoghi per il deposito e lo smercio della droga, ed otto tra auto e moto utilizzate dal sodalizio per le loro attività.

L’indagine, condotta dal Nucleo Operativo della Compagnia Roma Casilina, trae origine dal tentato omicidio di Alessandro Guidi, gambizzato con tre colpi di pistola in via Don Bosco, al Tuscolano, la sera del 6 febbraio 2009. L’attività investigativa ha consentito l’individuazione di 3 distinti gruppi criminali operanti rispettivamente nei quartieri di Cinecittà, Montesacro e Monteverde, i quali, interagendo tra loro, sono risultati inseriti a vario titolo in un’unica associazione per delinquere dedita al traffico di sostanze stupefacenti del tipo cocaina, eroina ed hashish. A finire in manette, con l’accusa di associazione per delinquere finalizzata al traffico internazionale di sostanze stupefacenti, sono state 34 persone delle 50 indagate a cui è stata notificata un’ordinanza emessa dal GIP del Tribunale di Roma che ha accolto la richiesta della Procura della Repubblica, nell’ambito dell’indagine denominata “Calma piatta”.

 
 

[27-03-2012]

 
Lascia il tuo commento
 
 
 
  CORRELATE