Giornale di informazione di Roma - Lunedi 26 settembre 2016
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Rugby
 
» Prima Pagina » Sport Roma » Rugby
 
 

Eccellenza: il Prato batte la Lazio

La capolista passa sul campo dei biancocelesti col punteggio di 10-29

Mantovani Lazio – Ennesima partita contro un avversario superiore, ennesima prova di carattere: ma purtroppo per la Mantovani Lazio l’epilogo è ancora una volta la sconfitta, come spesso è capitato in questa stagione. A passare sul campo dei biancocelesti è il XV dei Cavalieri Prato, compagine che quest’anno ha segnato e vinto tantissimo. Chi sperava nel colpaccio, tra i tifosi della Lazio, deve accontentarsi della buona prova e niente più.
Il Prato è in piena corsa play off, la Mantovani non deve chiedere nulla al campionato ma tra le mura di casa sta prendendo l’abitudine di far soffrire davvero tutti. E anche i Cavalieri devono faticare prima di risolvere l'incontro a loro favore. È la punizione di Wakarua a sbloccare il risultato. Il vantaggio però dura poco, visto che al quarto d’ora il pilone biancoceleste Cannone firma la prima meta dell’incontro. De Kock si occupa della trasformazione, Wakarua risponde accorciando il distacco prima che comincino a fioccare cartellini gialli: il primo lo prende De Gregori per Prato, poi tocca al biancoceleste Rotella. Saltano gli equilibri e ad approfittarne è Prato che trova la meta del sorpasso con Giovanchelli, bravo a conclude un rapido attacco partito da una touche. Wakarua fa il suo dovere come al solito, mentre De Kock sul finire del primo tempo accorcia le distanze sul 10-16 parziale. In mezzo ancora espulsioni temporanee: a prendersi il cartellino giallo è il centro di Prato, Majstorovic.
De Kock è l’arma con la quale i biancocelesti quest’anno si sono spesso tenuti agganciati al punteggio e pure contro Prato la storia è la stessa. E vicini nel punteggio, i biancocelesti provano a sfondare: soprattutto a inizio secondo tempo la Mantovani mette pressione agli ospiti. Il momento potrebbe anche essere buono, visto che Prato si ritrova di nuovo in quattordici uomini: la terza linea Petillo viene sanzionata con un cartellino giallo, l’ennesimo della partita. Ma i dieci minuti di inferiorità numerica passano senza danni: Prato controlla gli attacchi dei biancocelesti grazie a una ottima prova difensiva e colpisce di rimessa sfruttando la precisione di Wakarua: per lui 7 su 9 dalla piazzola. I cambi nelle fila dei biancocelesti non riescono a dare ai padroni di casa la spinta per ribaltare il risultato. E così dopo settanta minuti giocati a ridosso dell'avversario, la Mantovani Lazio paga dazio nel finale subendo negli ultimi minuti la meta di von Grumbkov. La partita finisce lì, sul punteggio di 10-29: per i toscani non c’è il punto bonus ma va bene così, l’insidiosa trasferta tra le mura dei biancocelesti finisce con quattro punti in cassaforte. Per la Mantovani invece un turno senza punti, con la coda della classifica che si avvicina pericolosamente complici le vittorie di Reggio e Catania. Non c'è da disperarsi, ma uno sguardo alle proprie spalle i biancocelesti è meglio che lo diano.

Le altre partite – Il San Gregorio Catania salta al volo su uno degli ultimi treni salvezza battendo Padova. I padroni di casa ci provano da subito e subito vanno a segno: dopo le schermaglie iniziali è la meta di Daupi a rompere l’equilibrio. Il primo tempo si chiude sul 13-3 per i siciliani. Il triplo cambio col quale Padova si ripresenta in campo dà subito i suoi frutti: meta di Ziegler al 44°, trasformazione di Hickey. Ma le punizioni di Pucciariello (perfetto dalla piazzola) tiene il Catania avanti d’un soffio. Padova rosicchia qualcosa ma non è abbastanza. E così i siciliani strappano quattro punti d’importanza vitale: si riaccende la corsa salvezza.
Rugby Reggio-Crociati è derby e regala emozioni come da copione. Neanche il tempo di cominciare e i Crociati devono scontare inferiorità numeriche in successione: prima Pepoli, poi Damiani. Il Reggio ne approfitta per segnare la meta con Mannato. Risponde Farolini, che accorcia su punizione e poi trasforma la meta tecnica assegnata ai suoi al 32°. Tutti negli spogliatoi sul 7-10, che diventa 10-10 al 46° con il piazzato di Griffiths. Ma al 57° è fatale il giallo a Lanfredi: i Crociati trovano la meta due minuti dopo. La punizione di Gennari al 63° sembra essere il colpo decisivo sul match, invece Reggio accorcia e negli ultimi cinque minuti trova il colpo di coda: punizione al 75° e meta trasformata al 78°, dieci punti che valgono la vittoria. A Reggio i padroni di casa battono i Crociati 27-20.
Senza storia la partita tra Mogliano e L’Aquila, con i padroni di casa che stravincono l’incontro col punteggio di 52-10. Prima meta dopo pochi minuti, seconda che arriva al quarto d’ora. La segnatura di Di Massimo illude L’Aquila, che capitola alla mezz’ora sotto i colpi di un Mogliano che raggiunge il bonus offensivo già nella prima frazione. Il resto è giocate buone per lo spettacolo e mete a ripetizione. 
Giornata che più storta non si può, quella in cui incappa il Calvisano autore di uno scivolone sul campo del Rovigo: i rossoblu vincono 44-3, un risultato che davvero nessuno avrebbe pronosticato alla vigilia. Per gli ospiti le prime avvisaglie di un pessimo pomeriggio arrivano subito, con Griffen che fallisce un paio di punizioni nel giro di un quarto d’ora. Una decina di minuti dopo arriva la meta del Rovigo con Pesce, e prima di andare negli spogliatoi a segnare è anche Bacchetti. Basson fa il resto dalla piazzola e così la partita è sorprendentemente chiusa già dopo 40 minuti. Nella seconda frazione è sempre il Rovigo a fare il bello e il cattivo tempo: vanno in meta Pavan e di nuovo Bacchetti, prima che l’arbitro assegni una meta tecnica a cinque dalla fine. 

Risultati
San Gregorio Catania – Petrarca Padova 19-13
Marchiol Mogliano – L’Aquila Rugby 52-10
Mantovani Lazio – Estra I Cavalieri Prato 10-29
Rugby Reggio – BancaMonteParma Crociati 27-20
Femi-Cz Rovigo – Cammi Calvisano 44-3

Classifica - quindicesima giornata
Estra I Cavalieri Prato 55* ; Cammi Calvisano 52 ; Petrarca Padova 49 ; Femi-CZ Rovigo 49 ; Marchiol Mogliano 45 ; Mantovani Lazio 22 ; L'Aquila Rugby 22 ; BancaMonteParma Crociati 19* ; Rugby Reggio 19 ; San Gregorio Catania 16

*quattro punti di penalizzazione 

Antonio Scafati 

[25-03-2012]

 
Lascia il tuo commento