Giornale di informazione di Roma - Domenica 25 settembre 2016
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cronaca Roma
 
» Prima Pagina » Cronaca Roma
 
 

Liberato Claudio Colangelo

rilasciato il romano di 61 anni. Colangelo: "E' stato terribile, cominciavo a disperare"

E' stato rilasciato Claudio Colangelo. Il romano di 61 anni, residente a Rocca di Papa, era da 11 giorni in mano ai ribelli maoisti dello stato di Orissa, in ndia. A riferirlo è l'emittente indiana Ndtv, la stessa televisione che ieri sera aveva annunciato il rilascio di entrambi gli italiani rapiti. Paolo Bosusco dunque rimane in mano ai guerriglieri. Colangelo, il più anziano dei due, avrebbe contratto la malaria e per questo motivo sarebbe stato rilasciato. Gia lunedì potrebbe fare ritorno in Italia e nella sua cittadina di Rocca di Papa.

Fino a questa mattina non si avevano notizie certe della sua liberazione, voci di un possibile rilascio già diffuse nella giornata di sabato. Poi le notizie non confortanti della sospensione della trattativa. La liberazione di Colangelo sarebbe avvenuta poi verso le otto italiane di sabato. Fin dall'inizio della vicenda si sapeva che il leader della guerriglia in Orissa, Sabyasachi Panda, avrebbe restituito gli ostaggi a giornalisti di fiducia. E' stato così che l'emittente Ndtv è stato la prima ad annunciare il rilascio di Colangelo, consegnato a due giornalisti indiani.

L'italiano rilasciato è apparso in buona forma, anche se con gli occhi scavati e il viso molto tirato. "Sono contento ma solo a metà perchè il mio amico Paolo e ancora là dentro. Non ho nulla contro di loro - ha continuato - ma non possono accettare che qualcuno abbia rubato dieci giorni della mia vita". Colangelo ha poi aggiunto di "non vedere l'ora di tornare in Italia" e che non "ha idea dei motivi del sequestro". "Sono uno a cui piace viaggiare e vedere persone che vivono in modo diverso. Non penso di avere fatto nulla di male" ha concluso. "E' stata una esperienza spaventosa", ha detto Claudio Colangelo dopo essere stato consegnato dai maoisti ai suoi reporter. "Cominciavo a disperare. E' stata un'esperienza terribile, siamo stati rapiti mentre facevamo il bagno nel fiume, non stavamo facendo foto. Domani conto di poter partire per l'Italia".
 
 

[25-03-2012]

 
Lascia il tuo commento
 
 
 
  CORRELATE
 
 
 
 
 
 
 
 
  • I video della notizia
  • "Intervista a Claudio Colangelo dopo il rilascio"
  • "Prima intervista da libero a Colangelo"
 
 
  CORRELATE