Giornale di informazione di Roma - Sabato 01 ottobre 2016
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Tecnologie
 
» Prima Pagina » Tecnologie
 
 

Il nuovo iPad 3

Prima il countdown, poi le urla e l'entrata sotto la mela morsicata illuminata, tra gli applausi e le ola dei commessi, tutti in riga in maglietta blu a formare un tunnel per i 'vincenti'. L'Apple store di Roma ha aperto le sue vetrate, iniziando così la vendita del Nuovo iPad anche in Italia. È un ragazzo di Catanzaro di 17 anni ad aver acquistato il primo iPad a Roma, almeno facendo fede al suo scontrino: «Sono il primo in Italia ad averlo acquistato - ha raccontato Luigi Leonardi - ero al secondo posto nella fila, che era iniziata l'altro ieri. Poi, una volta arrivati alla cassa io ho pagato con la carta di credito e la mia transazione è stata più veloce dell'altro. E quindi il primo scontrino è il mio».

COSA CAMBIA?  –  Non differisce molto dalla versione precedente, anzi esteticamente non cambia per niente. Come sempre, a cambiare sono le caratteristiche hardware e il display retina, con una risoluzione raddoppiata a 2048x1536. A raddoppiare è anche la memoria RAM che passa a 1GB così come il chip della scheda grafica, ora Quad-core.  Anche la Cam posteriore è stata migliorata con obbiettivo da 5 megapixel. 

Come per ogni uscita prodotto Apple abbiamo assistito a lunghe file, appassionati in coda da giorni, urla e applausi per il nuovo acquisto. Personalmente l’iPad 3 non credo meriti tanta attenzione perché le differenze con il fratello minore, l'iPad 2, sono irrisorie. Tralasciando i miglioramenti hardware non ho notato dei colpi di scena tipici della casa di Cupertino.

A questo si aggiungono alcuni problemi riscontrati da subito sui terminali già commercializzati  in altre Nazioni.  Molti utenti si lamentano di un surriscaldamento anomalo del terminale, di tempi di ricarica eccessivi (circa 6 ore), e di una scarsa recezione del segnale Wi-fi.


Perchè allora tanta euforia?
L’ìPad 3 non introduce nessuna novità rilevante sul lato software né applicazioni che necessitano un potenza hardware e una grafica tale da considerarne l’acquisto, in molti casi la sostituzione. Se mettiamo i due terminale a confronto e facciamo girare un gioco piuttosto che un'app la fluidità generale non cambia.
Se fossi un amante Apple mi terrei stretto il mio iPad 2 senza cambiarlo. Stesso discorso se pensassi di acquistare un iPad. A parità di memoria interna e connettività infatti, l’iPad 2 costa circa 100 euro in meno.

Per consigli o segnalazioni scrivete a: tecknologie@corriereromano.it

Stefano Soriano

 
 

[24-03-2012]

 
Lascia il tuo commento