Giornale di informazione di Roma - Sabato 01 ottobre 2016
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cronaca Roma
 
» Prima Pagina » Cronaca Roma
 
 

Scontri tra giovani di Casapound e ragazzi dei centri sociali

tensione a Casal Bertone, 10 contusi

Ragazzi che si fronteggiano con caschi in testa e bastoni, cassonetti che vengono rovesciati e lancio di fumogeni. Sembrava di esser tornati al 15 ottobre scorso, nel bel mezzo degli scontri in piazza San Giovanni, ed invece è successo a Casal Bertone, a Roma Est, dove si sono fronteggiati in una guerriglia urbana durata circa 10 minuti militanti di CasaPound con ragazzi dei collettivi di sinistra e centri sociali. Vere e proprie scene di guerriglia urbana in cui sarebbero rimasti feriti 10 ragazzi.

Lo scontro sarebbe nato dopo il racconto di Simone, 30 anni, militante di sinistra, che ha denunciato un'aggressione subita: "Eravamo davanti ai magazzini popolari quando si sono avvicinati dieci ragazzi ed hanno iniziato a colpirci. Due li ho ricosciuti, appartenevano a CasaPound". Dopo questo episodio i militanti di CasaPound hanno denunciato l'aggressione alla madre di un attivista: "La madre di un militante di CasaPound Italia è stata riconosciuta e aggredita in via di Portonaccio. La signora era in macchina, quando si è vista circondare da alcuni estremisti di sinistra, che hanno tentato di impedirle di passare e preso a calci la vettura". Poco dopo è arrivata la smentita dei centri sociali: "Non è vero nulla. Invitiamo la Roma democratica e antifascista a riempire questa strada, a venire davanti ai magazzini popolari di Casal Bertone.

Dopo questo "botta e risposta" di comunicati stampa i ragazzi sono scesi in strada e si sono fronteggiati; giovani di sinistra si sono mossi a decine dai 'Magazzini Sociali' occupati di Casal Bertone per assaltare il Circolo Futurista di CasaPound tra via Orero e via degli Orti di Malabarba. Qui le due fazioni si sono affrontate rovesciando cassonetti, danneggiando auto in sosta, lanciando fumogeni e venendo a contatto anche dopo l'intervento di polizia e carabinieri in assetto antisommossa. A breve potrebbero arrivare le prima denunce sulla base dei filmati analizzati dalla Digos.

[23-03-2012]

 
Lascia il tuo commento