Giornale di informazione di Roma - Martedi 27 settembre 2016
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cronaca Roma
 
» Prima Pagina » Cronaca Roma
 
 

61enne romano rapito in India

Claudio Colangelo era insieme ad un altro italiano

C'è preoccupazione per i due italiani, uno romano, rapiti in India dai ribelli Maoisti nello Stato di Orissa. Paolo Bosusco, piemontese e Claudio Colangelo, residente ai Castelli romani, sono stati rapiti a nord ovest del paese. La conferma del rapimento, nella zona di Kandhamal, è arrivata dalla Farnesina che ha già avviato contatti con le autorità indiane per trovare una soluzione. Il leader dei ribelli dell'Orissa, Sabyasachi Panda, in un audiomessaggio ha rivendicato il sequestro, spiegando che Bosusco e Colangelo hanno scattato delle "riprovevoli fotografie".

Claudio Colangelo - Colangelo, romano di 61 anni è residente a Rocca di Papa, cittadina alle porte di Roma nei Castelli romani. L'uomo era in India in compagnia della moglie, rientrata in Italia dopo il rapimento. Colangelo, da pochi mesi in pensione, vive con la moglie in zona Monteverde, ed è padre di due figli, di 32 e 35 anni. Alcuni conoscenti raccontano che l'uomo ha partecipato in passato a progetti umanitari in varie zone del mondo e lavorara per un istituto di ricerca pubblico.

"Abbiamo collaborato in passato a un progetto umanitario in alcuni villaggi dell'Amazzonia peruviana -spiega il direttore dell'ospedale San Camillo Aldo Morrone - E' un esperto di questi viaggi ed era inoltre in compagnia di Bosusco che ha un'esperienza decennale nel settore. Proprio non riesco a spiegarmi cosa sia successo. Colangelo non è un medico (come erroneamente riportato da alcuni organi di stampa), ma partecipava a missioni umanitarie per volontariato - aggiunge Morrone - era lì per analizzare la situazione dei villaggi, magari nella prospettiva di progetti di sensibilizzazione - ha aggiunto - probabilmente questo gruppo terrorista li ha rapiti per darsi un po' di visibilità".

Il sindaco di Rocca di Papa, Pasquale Boccia ha incontrato i familiari di Colangelo: "Ho parlato con la figlia e mi ha chiesto di riferire che non se la sente di parlare -ha detto Boccia- e aspetta chiusa nelle mura domestiche informazioni su Claudio".
 
 

[18-03-2012]

 
Lascia il tuo commento
 
 
 
  CORRELATE