Giornale di informazione di Roma - Mercoledi 13 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cronaca Roma
 
» Prima Pagina » Cronaca Roma
 
 

Tav, la denuncia di un consigliere comunale

''opere di compensazione a rischio''

Tra un mese l’alta velocità smobiliterà dai cantieri della periferia Est di Roma. Prima di lasciare però, così era stato promesso, dovrebbe realizzare le cosiddette opere di compensazione. Ma per ora di questi progetti non si vede nemmeno l’ombra. La denuncia arriva da Eugenio Patanè, consigliere comunale dell’Ulivo che insieme ad altri membri della commissione trasporti ha scritto un’allarmata lettera all’assessore alla mobilità Calamante e al presidente dell’atac Fulvio Vento sollecitandoli a prendere quanto prima provvedimenti.

In sostanza è successo che la Tav, la società nata per la realizzazione della ferrovia che collegherà in poco più di un’ora Roma a Napoli, in cambio dei tanti cantieri e delle strutture invasive costruite in questi anni, si era impegnata a realizzare mercati attrezzati, parchi, svincoli stradali, scuole e parcheggi. Una sorta di risarcimento ai cittadini delle zone interessate dai cantieri per ripagarli dei gravi disagi subiti. Il tutto era stato stabilito da un patto siglato tra la società e il comune. Per le opere in questione è stato stabilito un investimento di 60 milioni di euro in tutto ma, ed eccoci alla denuncia di Patanè, di questi solo 20 sono stati spesi. Gli altri 40 milioni che avrebbero dovuto essere investiti per i quartieri di tor sapienza, la rustica e corcolle rischiano di restare al palo. E questo perché, sempre stando alle parole del consigliere, all’accordo non sarebbe seguita la conveznione attuativa da siglare sei mesi dopo la prima firma, l’unica in grado di inchiodare tav alle proprie responsabilità.

“si tratta di una vera e propria inadempienza da entrambe la parti” ha precisato Patanè, raggiunto al telefono dalla nostra redazione."

L’assessorato fa sapere che nonostante manchi la convenzione attuativa sussistono ugualmente gli obblighi da parte dell’alta velocità di costruire quanto stabilito. Ma una risposta ufficiale da parte di Calamante è attesa per i prossimi giorni

[22-05-2007]

 
Lascia il tuo commento