Giornale di informazione di Roma - Sabato 01 ottobre 2016
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Rugby
 
» Prima Pagina » Sport Roma » Rugby
 
 

6 Nazioni: sei cambi nell’Italia anti-Scozia

Continuano gli esperimenti di Jacques Brunel

Italia-Scozia: ultima chiamata per i ragazzi di Brunel alla ricerca di una vittoria in questo 6 Nazioni. Il tecnico francese lo sa e per centrare il primo successo della sua avventura azzurra rimescola le carte. Ne viene fuori un XV inedito, dove ci sono sorprese e lietissimi ritorni. Cominciamo da dietro. Nella linea dei tre quarti ci sarà Venditti, scelto al posto di un McLean sempre schierato ala nelle precedenti quattro partite. Insieme a lui ci saranno Mirco Bergamasco con la maglia numero 11 e la coppia di centri composta da Benvenuti e Canale. All’estremo c’è sempre Masi, chiamato a dare una svolta a un 6 Nazioni finora per lui molto deludente. In mediana Gori torna dall’infortunio e si riprende la cabina di regia: a lui il compito di gestire le operazioni insieme a Burton. Nel pacchetto di mischia ci sono – senza giri di parole – i migliori a disposizione. Parisse, Zanni e Barbieri, l’esperienza di Bortolami e la forza di Geldenhuys. Martin Castrogiovanni torna in campo: tutti a dire che il suo 6 Nazioni era finito e invece lui ci sarà. La costola rotta contro l’Inghilterra, una manciata di settimane fa, è solo un ricordo. Accanto avrà Ghiraldini e Lo Cicero, per un trio di gente davvero esperta. 
L’impressione è che Brunel voglia giocarsi la partita impostandola su cose semplici come la forza e la difesa, affidandosi a due ali fisiche e a un Canale esperto. Si torna all’antico, in pratica: mischia, difesa, fallo e piazzato di Bergamasco. Lo schema, semplificando, potrebbe essere questo. Del resto, fino a oggi questa Italia a guida francese ha dimostrato di non andare facilmente in meta: tre in tutti nell’arco del torneo, ma più in generale è il gioco offensivo che è andato progressivamente calando. E così l’Italia scelta da Brunel assomiglia molto a l’ultima Italia di Mallett. 
Capitolo panchina. Anche qui il tecnico francese si porta qualche nuovo elemento. Insieme a D’Apice e a Cittadini c’è Furno. Ma è soprattutto la presenza di Vosawai a sorprendere: tra la maglia azzurra e il giocatore di origini figiane continua un rapporto ‘misterioso’, segnato  dalla discontinuità. Passa il tempo, cambiano gli allenatori, eppure Vosawai continua a entrare e uscire dalle formazioni scelte di volta in volta. Senza mai lasciare un segno. Brunel dice che, arrivati a fine torneo, c’è bisogno di forze fresche: Vosawai starebbe lì per quello, ma è lecito rimanere perplessi. Completano la panchina Favaro, Botes (buono per ricoprire sia il ruolo di mediano di mischia che quello d’apertura) e l’utility back Toniolatti. Morale della favola: resta fuori gente come Semenzato, McLean e Van Zyl, giocatori che in un modo o nell’altro si erano ritagliati spazio nelle formazioni di Brunel. Se non è una piccola rivoluzione poco ci manca.

Togliendo l’assenza di Lee Jones, per Andy Robinson c’è l’imbarazzo della scelta. E per non sbagliare, il tecnico degli highlanders ripropone in pratica lo stesso XV delle ultime uscite. Jones sarà sostituito da Max Evans. Nick De Luca rientra in gruppo e si schiera secondo centro. Per il resto la Scozia è quella attesa: gran reparto di seconde linee, buone terze. Al di là dell'ultimo posto in classifica e cucchiai vari, sabato si gioca per l’orgoglio.

Italia
15 Andrea Masi, 14 Giambattista Venditti, 13 Tommaso Benvenuti, 12 Gonzalo Canale, 11 Mirco Bergamasco, 10 Kristopher Burton, 9 Edoardo Gori, 8 Sergio Parisse, 7 Robert Barbieri, 6 Alessandro Zanni, 5 Marco Bortolami, 4 Quintin Geldenhuys, 3 Martin Castrogiovanni, 2 Leonardo Ghiraldini, 1 Andrea Lo Cicero
In panchina: 16 Tommaso D'Apice, 17 Lorenzo Cittadini, 18 Joshua Furno, 19 Simone Favaro, 20 Manoa Vosawai, 21 Tobias Botes, 22 Giulio Toniolatti

Scozia
15 Stuart Hogg, 14 Max Evans, 13 Nick De Luca, 12 Graeme Morrison, 11 Sean Lamont, 10 Greig Laidlaw, 9 Mike Blair, 8 David Denton, 7 Ross Rennie, 6 John Barclay, 5 Jum Hamilton, 4 Richei Gray, 3 Geoff Cross, 3 Ross Ford, 1 Allan Jaxcob
In panchina: 16 Scott Lawson, 17 Euan Murray, 18 Alaistar Kellock, Richie Vernon, 20 Chris Cusiter, 21 Ruaridh Jackson, 22 Jack Cuthbert

Antonio Scafati

[14-03-2012]

 
Lascia il tuo commento