Giornale di informazione di Roma - Giovedi 29 settembre 2016
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cronaca Roma
 
» Prima Pagina » Cronaca Roma
 
 

Rifiuti, conferenza dei servizi su discarica a Corcolle

"I pareri verbalmente espressi sono stati tutti negativi"

Si fa sempre più arduo il compito del prefetto Giuseppe Pecoraro, commissario per l’emergenza rifiuti. Oggi pomeriggio in Regione, nella sala Liri, si è tenuta la conferenza di servizi che ha esaminato il progetto preliminare della discarica di Corcolle. Tra i presenti c’erano rappresentanti di Regione, Campidoglio, Provincia, Mibac e Soprintendenze di Beni Architettonici ed Archeologici. Quasi tutti i pareri sono stati contrari alla realizzazione di una discarica nella zona di Corcolle – San Vittorino, discarica molto contestata anche per la vicinanza con Villa Adriana.

"I pareri verbalmente espressi sono stati tutti negativi -Spiega Claudio Vesselli, direttore del dipartimento servizi tutela ambientali della Provincia di Roma- Nel senso che sono state espresse criticità di varia natura dal punto di vista ambientale e paesaggistico. Ora il soggetto attuatore deciderà in base ai pareri espressi".

Alla conferenza non hanno invece potuto partecipare Italia Nostra e Wwf che non sono stati fatti accedere alla sala. Le associazioni ambientaliste minacciano denunce per abuso d’ufficio. "Noi di Italia Nostra abbiamo sempre avuto accesso a conferenze dei servizi anche più importanti di questa -dice Vanna Mannucci, vicepresidente Italia Nostra Roma- Qui non si tratta di un segreto di Stato. Siamo assolutamente indignati, è assurdo che associazioni come la nostra siano rimaste fuori dalla porta".

"Questo atteggiamento non è trasparente e soprattutto non consente di verificare che le procedure applicate siano effettivamente leggittime". Dice Nando Bonessio, Presidente Verdi Lazio. La più seccata per non aver potuto presenziare alla conferenza dei servizi sulla discarica che dovrebbe sorgere a Corcolle è Vanessa Ranieri, presidente Wwf Lazio. "Questo è un atto gravissimo -dice Vanessa Ranieri- anche perché la trasparenza della procedura dovrebbe essere garantito dalla figura del Prefetto. Mi recerò in Procura perché ritengo che ci siano delle gravissime violazioni di abuso d'ufficio".
 
 

[08-03-2012]

 
Lascia il tuo commento
 
 
 
  CORRELATE