Giornale di informazione di Roma - Venerdi 15 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cronaca Roma
 
» Prima Pagina » Cronaca Roma
 
 

Unicredit e Capitalia, fusione fatta

un colosso da 100 miliardi di capitalizzazione

E' il primo in italia, secondo in europa e settimo gruppo bancario del mondo: Unicredit group, la banca nata dalla fusione di Unicredit e Capitalia è una realtà.

A denifirla i Cda dei due istituti in un incontro a Roma che ha visto incoronato l’attuale presidente di Capitalia Cesare Geronzi a vice pres vicario e pres del comitato esecutivo del nuovo gruppo. Un colosso da 100 miliardi di capitalizzazione.

La fusione vera e propria fra i due istituti bancari, secondo le previsioni, avverrà alla fine del 2007. Intanto per la fine di luglio e i primi di agosto verranno convocate le assemblee straordinarie. Più celere dovrebbe essere invece il trasferimento della sede legale che passerà da Genova a RRoma.

La Unicredit group avrà 170 mila dipendenti, 9200 sportelli, 13 nuovi azionisti e una presenza in 30 diversi paesi del mondo. Soddisfazione e anche qualche puntulizzazione è stata espressa dal futuro vicepresidente del gruppo geronzi che ieri ha voluto rispondere anche alle preoccupazioni del sindaco di Roma Walter Veltroni il quale aveva ammesso di temere una perdita di peso della presenza bancaria nella capitale d'Italia.

Rassicurazioni sono subito arrivate da Geronzi:” la fusione – ha detto - "soddisferà ancora meglio le esigenze della clientela rispetto a quanto fatto finora". Dai giochi sarà però escluso l’attuale amministratore delegato. Dell’istituto capitolino, Matteo Arpe, che dopo aver rassegnato le dimissioni uscirà ufficialmente di scena il prossimo 31 maggio.

Intanto gli occhi sono tutti puntati in borsa…l’esordio dopo la fusione non è dei migliori. A circa mezzora dall'apertura di piazza affari infatti perdevano rispettivamente il 4,59% e lo 0,75%.

[21-05-2007]

 
Lascia il tuo commento