Giornale di informazione di Roma - Lunedi 26 settembre 2016
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cronaca Roma
 
» Prima Pagina » Cronaca Roma
 
 

Inchiesta su presunte mazzette a vigili

Alemanno ascoltato in Procura

Prima il comandante del I gruppo Stefano Napoli, poi il sindaco Alemanno. Entrambi sono stati ascoltati dalla Procura di Roma che sta indagando su un giro di presunte mazzette che sarebbero state incassate da alcuni vigili urbani per chiudere un occhio su autorizzazioni o cambi di destinazione d'uso di esercizi commerciali nella zona del centro storico. La Procura indaga per concussione, al momento sono indagati 5 vigili urbani ed un tecnico geometra che sarebbe un tecnico esterno agli uffici del I Municipio.

"Non ci sono novità specifiche. -ha detto Alemanno al termine dell'incontro con il procuratore aggiunto Giancarlo Capaldo- Quello che adesso deve essere sviluppato con la massima forza è una reazione a qualsiasi situazione che possa essere non chiara insieme con la stragrande maggioranza del corpo della polizia municipale, che è fatta da persone pulite e a posto. Bisogna combattere - ha concluso il sindaco prima di lasciare piazzale Clodio - contro qualsiasi forma di non trasparenza e non correttezza come quella che è stata evidenziata da questa indagine. Nel fatto specifico non ci sono novità particolari".

La vicenda è venuta alla luce dal circolo sportivo della polizia municipale dove, nella notte di sabato sarebbero stati rubati due hard disk che contenevano i dati contabili del circolo,  gestito proprio da giuliani. Sotto la lente d’ingrandimento degli inquirenti ci sarebbero alcune  sponsorizzazioni erogate da alcuni ristoratori del centro che potrebbero mascherare un giro di tangenti. La prima risalirebbe al 2008, quando una coppia nel tentativo di trasformare un’ex officina posta sotto sequestro in appartamento, in via natale del grande a trastevere, si rivolse a un funzionario dell’edilizia che sotto richiesta di pagamento avrebbe fatto poi ottenere la rimozione dei sigilli. La seconda un anno piu’ tardi, sempre a trastevere. Questa volta un commerciante avrebbe pagato una somma di denaro a 5 agenti del primo gruppo per la ristrutturazione di un locale.

Intanto al comando del I gruppo sono state assegnate nuove funzioni per 30 vigili urbani (rotazione d'incarico). Anche 11 dipendenti del I Municipio sono stati trasferiti, di questi otto del settore commercio e tre dell'ufficio tecnico di via Petroselli. A proposito del I Municipio abbiamo secondo il minisindaco Orlando Corsetti il trasferimento di 11 dipendenti dell’ufficio tecnico e commercio del I municipio non ha niente a che vedere con l’inchiesta su cui sta indagando la magistratura.

"Apprendo le notizie dai giornali -dice il presidente del I Municipio Orlando Corsetti-. Riguardo al trasferimento dei nostri dipendenti l'obiettivo sembra quello di una rotazione. E' chiaro che il pericolo è che a questi nostri dipendenti si metta un marchio indelebile e negativo. Sono dell'idea che chi ha sbagliato deve pagare. Penso che nessuno meglio di noi delle istituzioni possa contribuire a raggiungere un obiettivo. Ovvero fare pulizia delle mele marce salvaguardando tutti gli onesti lavoratori dell'amministrazione".

Sos Impresa "poche denunce" - Molti raccontano ma pochi denunciano. Anche se "ora, a causa della crisi i commercianti non hanno i soldi per pagare il pizzo e allora alcuni casi emergono per forza". E' il quadro che descrive Sos Impresa, l' associazione che si occupa di legalità legata alla Confesercenti. "Abbiamo avuto e abbiamo tuttora nostri associati del centro storico che ci raccontano di estorsioni da parte di vigili urbani. Il problema è che il racconto non finisce mai con una denuncia". Bianca La Rocca, capo ufficio stampa dell'associazione, racconta di un 'modus operandi' frequente da parte dei vigili, almeno stando ai racconti dei taglieggiati. "Arrivano, contestano un'irregolarità più o meno reale e poi, per chiudere un occhio, chiedono all'esercente di pagare tra i 500 e i 1.000 euro. Il prezzo o tariffario varia a seconda della contestazione effettuata".
 
 

[29-02-2012]

 
Lascia il tuo commento
 
 
 
  CORRELATE