Giornale di informazione di Roma - Domenica 25 settembre 2016
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cronaca Roma
 
» Prima Pagina » Cronaca Roma
 
 

Bufera sul comandante dei vigili urbani Giuliani

"Non sono preoccupato, ho fatto il mio dovere"

Per il momento c’è solo l’apertura di un fascicolo, l’inizio di un’indagine che deve ancora svilupparsi e inquadrare meglio gli ambiti di reato. Quel che è certo è che Paolo Bernabei, noto commerciante della capitale, ha scritto nei mesi scorsi una lettera al sindaco Alemanno e al Comandante dei Vigili urbani Angelo Giuliani per denunciare un ennesimo tentativo di concussione da parte di cinque agenti del primo gruppo: questi gli avrebbero chiesto soldi “fuori busta” a più riprese per “mettere a posto” alcune pratiche relative a dei lavori di ristrutturazione di un locale da adibire ad ufficio nel cuore di trastevere.

Bernabei, alla prima richiesta, paga 30.000 euro agli agenti; vistosi presentare una nuova tangente, decide di vuotare il sacco direttamente al sindaco e al comandante dei vigili urbani che dà subito inizio ad una indagine interna per fare chiarezza e invia in procura un’informativa che è diventata la base dell’apertura del fascicolo da parte dei pm Calaresu e Condemi. Ai quali non sfugge un particolare: Bernabei è anche uno dei principali sponsor del circolo sportivo dei vigili urbani: il sindaco, dopo un nuovo incontro con Bernabei, aveva chiesto venerdì scorso al comandante Giuliani la contabilità del gruppo sportivo per verificare l’entità dei finanziamenti fatti da Bernabei e valutare le singole responsabilità, dal momento che come comandante del corpo dei vigili urbani Giuliani è presidente del suddetto circolo. Con una puntualità degna di un film di spionaggio, sabato notte da quella stessa struttura sono stati trafugati proprio gli hard disk che ne contengono la contabilità. Un modo, sostiene Giuliani, per eliminare le prove che lo scagionerebbero da qualsiasi implicazione. O che, viceversa, lo inchioderebbero. Per tutta la serata di ieri rumors incontrollati davano Giuliani in procinto di dare le dimissioni e sui giornali stamani qualcuno parlava addirittura di un ex generale dei carabinieri pronto a prendere il suo posto: in realtà nei confronti del comandante dei vigili urbani non è ancora stata formulata alcuna accusa né, tantomeno, risulta iscritto nel registro degli indagati dalla procura.

"Non penso alle dimissioni. Perchè dovrei farlo? Non sono iscritto nel registro degli indagati e ho fatto il mio dovere". Ha detto il comandante della polizia municipale Angelo Giuliani all'indomani della notizia dell'iscrizione nel registro degli indagati di cinque vigili e di un professionista per concussione per un presunto giro di tangenti. "Le rispondo dal mio ufficio e non da casa", dice ironicamente Giuliani, sottolineando così che non si è dimesso. "Non sono preoccupato perchè ho fatto il mio dovere - aggiunge - l'inchiesta è partita dal mio ufficio poi ho passato gli atti alla Procura".
 
 

[28-02-2012]

 
Lascia il tuo commento
 
 
 
  CORRELATE