Giornale di informazione di Roma - Martedi 27 settembre 2016
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cronaca Giudiziaria
 
» Prima Pagina » Cronaca Roma » Cronaca Giudiziaria
 
 

Violenza in via dei Villini, due condanne

sette anni di reclusione a due somali

Sette anni di reclusione: è questa la condanna che dovranno scontare Karad Adan e Yahya Abdì, i due cittadini somali che lo scorso febbraio violentarono una ragazza romana di origine serba. La vittima, vent’anni, era stata abordata nei pressi della stazione Termini e poi portata nell’ex ambasciata somala di via dei Villini, da anni occupata da un centinaio di profughi somali. La struttura era stata poi sgomberata e chiusa a inizio marzo sull’onda emotiva scaturita dalla violenza.

Oltre ai sette anni di carcere, il giudice ha deciso che i due dovranno pagare 50mila euro a testa come risarcimento danni da versare alla vittima. La condanna arriva a circa un anno di distanza da quella sera di febbraio. Soddisfatti i legali della difesa e soddisfatto anche il sindaco alemanno, secondo il quale il giudice ha riconosciuto una violenza grave e odiosa che, ha dichiarato il primo cittadino, roma non intende tollerare. Meno soddisfatto invece fabrizio santori, presidente della commissione sicurezza di roma capitale, secondo il quale sette anni di carcere per uno stupro di gruppo sono una pena ridicola. È tempo, ha aggiunto santori, di innalzare la pena per reati di questo tipo.
 
 

[17-02-2012]

 
Lascia il tuo commento
 
 
 
  CORRELATE