Giornale di informazione di Roma - Venerdi 30 settembre 2016
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cronaca Giudiziaria
 
» Prima Pagina » Cronaca Roma » Cronaca Giudiziaria
 
 

Giuseppe Pignatone nuovo capo della Procura di Roma

Pignatore ha 63 anni, in magistratura dal 1974. Indagò sulla strage di Capaci, contribuì a catturare Riina

Giuseppe Pignatone è stato nominato all'unanimità dal plenum del Csm nuovo capo della Procura di Roma. Il magistrato ricopriva il ruolo di procuratore a Reggio Calabria. Pignatone prenderà il posto di Giovanni Ferrara, nominato sottosegretario del governo Monti. In attesa della nomina, il ruolo di reggente a Roma era stato affidato a Giancarlo Capaldo.

Pignatone - In magistratura dal 1974, Pignatone ha 63 anni e quasi tutta la sua carriera si è svolta a Palermo, dove è stato prima sostituto procuratore, poi dal '96 procuratore aggiunto presso la pretura circondariale e dal 2000 presso la procura ordinaria. Dal 2008 è procuratore a Reggio Calabria. Tra i tanti procedimenti di cui si è occupato, quelli sugli omicidi di Piersanti Mattarella, Pio La Torre, Michele Reina e Rosario Di Salvo, conclusi con la condanna all'ergastolo di numerosi componenti della 'cupola' mafiosa. A Palermo ha diretto le indagini che hanno portato alla cattura di alcuni tra i più pericolosi latitanti, a cominciare da Salvatore Riina, Leoluca Bagarella e Michelangelo La Barbera. A Pignatone si devono anche le indagini per la cattura di Giovanni Brusca, nel cui ambito non solo venne scoperto il più grande arsenale di Cosa Nostra, ma anche il nascondiglio dove era stato segregato e poi ucciso il piccolo Giuseppe Di Matteo, figlio del collaboratore Santino. E portano il suo nome anche le indagini che nel maggio 1993 hanno permesso l'individuazione del primo nucleo di responsabili della strage di Capaci.
 
TAG: mafia - mafie
 

[15-02-2012]

 
Lascia il tuo commento
 
 
 
  CORRELATE