Giornale di informazione di Roma - Sabato 01 ottobre 2016
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Politica Roma
 
» Prima Pagina » Politica Roma
 
 

Polemiche sulla neve romana

critiche al sindaco sulla gestione dell'emergenza

L’ultima è di questa mattina, fresca fresca, anzi gelata come una palla di neve in piena nuca: anche il ministro, dell’Interno, era male informata. Alemanno non ci sta a passare per capro espiatorio dell’ennesima passione scontata dalla capitale. E continua ad attaccare ripetendo il ritornello della malainformazione e delle difficoltà oggettive di una città condannata a soffrire a causa delle sue bellezze che ostacolano la gestione di qualsiasi tipo di emergenza.

Una spalata di qua, una spallata di là: stamattina la Cancellieri, ieri tutti coloro che gli gridavano vergogna per non aver saputo gestire quella che già passa per la nevicata del '12. Senza peli sulla lingua, peraltro: all’ora di pranzo Alemanno stile Gordon Gekko ha chiamato “passacarte” i vertici della Protezione civile e, in particolare, Franco Gabrielli. Che ovviamente ha rispedito al mittente il barile avvelenato della responsabilità. Altro giro altro straccio bagnato, pardon, palla di neve: a Pedica, deputato dell’Italia dei valori che parlava di una città in ginocchio, Alemanno ha riservato il titolo, poco onorifico, di cialtrone. Fino alla già ricordata frecciata, peraltro ridimensionata da una successiva dichiarazione al ministro dell’Interno Cancellieri, male informata sulla gravità della situazione. Ma proprio dal Viminale arriva la precisazione: "Proprio a valorizzare" il grande sforzo collettivo fatto per l'emergenza maltempo "era rivolto l'invito del ministro Cancellieri alla coesione istituzionale, senza alcuna polemica personale con il sindaco di Roma Alemanno o altri rappresentanti delle istituzioni".

Ma le polemiche continuano e, c’è da giurarci, continueranno per tutta la settimana: per il momento la  polemica si è trasferita in provincia: il consigliere Peciola, di Sinistra e librtà, già stamani attaccava il sindaco definendolo un dilettante; il collega consigliere Udc Ferrante ha invece pesantemente attaccato il presidente Zingaretti reo, pare, di non essere adeguatamente intervenuto sul territorio. Insomma o piove o nevica, la città è sempre in apnea.
 
 

[06-02-2012]

 
Lascia il tuo commento
 
 
 
  CORRELATE