Giornale di informazione di Roma - Domenica 17 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Roma - Bruxelles
 
» Prima Pagina » Roma - Bruxelles
 
 

Italia vs Rep. Ceca

visioni opposte sul futuro dell'Europa

Italia e Repubblica Ceca hanno visioni ''diametralmente opposte'' per quanto riguarda il futuro del trattato costituzionale dell'Unione Europea . E' quanto hanno constatato oggi a Praga il presidente del Consiglio Romano Prodi e il Primo ministro ceco Mirek Topolanek.

''Abbiamo delle visioni differenti, soprattutto per quanto riguarda i grandi problemi del futuro dell'Europa'', ha ammesso Prodi nel corso di una conferenza stampa congiunta con Topolanek. Quest'ultimo ha parlato da parte sua di opinioni ''diametralmente opposte''. ''Voglio sottolineare che e' il trattato gia' ratificato da 18 dei 27 Paesi che deve servire da punto di partenza per l'Europa comune'', ha spiegato Prodi, aggiungendo: ''Siamo sicuramente disposti a dei compromessi, ma non a tutti i compromessi''. ''Dopo che il nuovo presidente francese, Nicolas Sarkozy, e il Primo ministro olandese, Jan Peter Balkenende, hanno escluso di organizzare un nuovo referendum (dopo i no dei francesi e degli olandesi al progetto di Costituzione europea), questo processo e', per noi, concluso'', ha sottolineato il premier ceco. ''Ovviamente cio' e' deplorevole per i 18 Paesi che hanno ratificato questo progetto, ma ogni dibattito ulteriore e' inutile'', ha aggiunto Topolanek. L'attuale presidenza tedesca dell'Ue fara'' nel corso del vertice del prossimo giugno delle proposte sul futuro del testo, accompagnate da un calendario. Nella migliore delle ipotesi, Berlino vorrebbe che un nuovo trattato fosse firmato dai 27 alla fine dell'anno per entrare in vigore nel giugno 2009.

[14-05-2007]

 
Lascia il tuo commento