Giornale di informazione di Roma - Venerdi 30 settembre 2016
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cronaca Roma
 
» Prima Pagina » Cronaca Roma
 
 

Rifiuti, il Pd capitolino contro la discarica di Corcolle

"Siamo da sempre contrari, bisogna con forza evitare la discarica"

“La questione rifiuti nel Lazio, se non affrontata subito dalla politica rischia di diventare un’emergenza”: è la denuncia del Pd capitolino che oggi ha proposto subito la convocazione di un consiglio straordinario per parlare del piano rifiuti a Roma. Secondo il Pd la scelta da parte del prefetto Pecoraro (commissario straordinario per la chiusura della discarica di Malagrotta) del sito di Corcolle dove dovrebbe sorgere una discarica è quanto mai “scellerata”.

"Siamo da sempre contrari - ha spiegato Dario Nanni, consigliere Pd dell'Assemblea capitolina - alla discarica di Corcolle. Oltre ad essere un luogo di estrema periferia, dove i cittadini aspettano altro, ci sono una serie di vincoli come quello archeologico e paesaggistico, idrogeologico e urbanistico. Nel 2008 la Regione Lazio con la precedente giunta aveva inserito Corcolle in un contesto di vincolo e noi su questo siamo intransigenti. L'attuale amministrazione in questi anni non ha fatto nulla: non ha aumentato e incentivato la raccolta differenziata. La Giunta Polverini è assolutamente responsabile dell'attuale situazione dei rifiuti, oltre all'inerzia del sindaco Alemanno che non ha trovato un sito alternativo".

Il Pd propone di puntare sulla raccolta differenziata e ribadisce la propria contrarietà alla discarica che –come scelto dal commissario per l’emergenza rifiuti Pecoraro- dovrebbe sorgere a San Vittorino Corcolle.

"Bisogna con forza evitare la discarica di Corcolle - ha detto il capogruppo Pd Umberto Marroni - E' un grave errore sparpagliare i rifiuti per la città, un errore anche dal punto di vista industriale. Oltre ad essere una zona vincolata paesaggisticamente, sull'area ci sono passaggi di societa' poco chiari. Aleanno e Polverini hanno fatto tante promesse, la più ridicola la chiusura di Malagrotta. Comportamenti poco seri di chi nega l'emergenza. Invece di discutere di differenziata, nel 2012 parliamo di discarica. Questi i motivi della richiesta di un consiglio straordinario dove faremo diverse proposte".



 
 

[25-01-2012]

 
Lascia il tuo commento
 
 
 
  CORRELATE