Giornale di informazione di Roma - Giovedi 14 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cronaca Roma
 
» Prima Pagina » Cronaca Roma
 
 

Marche da bollo contraffatte

tredici arresti

le marche da bollo sequestrate dalla polizia

Tredici persone sono state arrestate nell'ambito di un'inchiesta su una contraffazione di marche da bollo. In particolare otto persone sono finite in carcere e cinque ai domiciliari sulla base di un'ordinanza di custodia cautelare emessa dal gip Maria Antonietta Ciriaco su richiesta dei pm Salvatore Vitello e Francesca Loy.

La circostanza è emersa nel corso di una conferenza stampa avvenuta negli uffici di piazzale Clodio durante la quale il vicequestore aggiunto Orlando Parrella, responsabile della sezione di polizia giudiziaria della Procura, ha esposto i dettagli dell'operazione. "L'inchiesta è stata avviata nel 2005 sulla base della segnalazione di un ufficiale giudiziario del tribunale civile - ha spiegato - Nell'ambito delle indagini altre cinque persone sono state denunciate, sono state eseguite
19 perquisizioni, 7.500 marche da bollo sono state sequestrate, per un danno alle casse dell'erario di 500mila euro". Secondo la ricostruzione degli inquirenti la mente del gruppo era un romano di 46 anni, già proprietario di una tabaccheria che fu chiusa proprio per vicende analoghe, che teneva i contatti con il resto degli associati, quattro dei quali si trovavano nei pressi di Napoli in particolare a San Giogio al Cremani, Giuliano in Campania, Mugnano di Napoli. Associazione per delinquere finalizzata alla contraffazione e alla cessione di valori bollati contraffati. Questo il reato contestato agli indagati a seconda delle singole posizioni processuali. A finire in carcere sono stati tra gli altri alcuni rivenditori, tabaccai compiacenti con negozi nelle zone di piazzale Flaminio, all'Eur e nei pressi di tribunali. 

 
 

[14-05-2007]

 
Lascia il tuo commento
 
 
 
  CORRELATE