Giornale di informazione di Roma - Domenica 25 settembre 2016
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Teatro Roma
 
» Prima Pagina » Cultura Roma » Teatro Roma
 
 

Ippolito di Euripide

al Teatro Sala Uno fino al 5 febbraio

di Nunzia C.

L' Associazione Culturale “La Fonte di Castalia”
presenta il 31 gennaio presso il Teatro Sala Uno, lo spettacolo "Ippolito" di Euripide. Per la regia di Marco Blanchi e l'interpretazione di  Siddhartha Prestinari, Ivan Ristallo, Marika Murri, Francesco Marzi

 La vicenda narrata è quella di Ippolito, punito da Euripide perchè dedito solo alla caccia e al culto di Artemide. Per vendicarsi la dea accende di desiderio la matrigna Fedra che s'innamora perdutamente del giovane, scatenando così una passione che culminerà nella morte di entrambi. Ippolito venuto a conoscenza della passione di Fedra fugge via, e la donna terrorizzata dall'idea che eglipossa disonorarla di fronte a Teseo e ai suoi figli, decide di uccidersi, lasciando una lettera nella quale lo accusa di averle usato violenza. Teseo, accecato dal dolore per la morte di sua moglie, dopo aver scoperto la lettera, maledice il figlio e lo bandisce dal suolo di Trezène.

Come spiega Mario Blanchi,  quella di Euripide è una sublime indagine psicologica attraverso la quale il poeta esplora le profondità della natura umana. Se in Fedra è l'Eros a prendere il sopravvento, per Ippolito si tratta della castità, mentre Teseo è mosso dall'ira per l'onore ferito. Il comportamento dei protagonisti ci insegna che in quanto vittime, devono essere compresi e giustificati nei loro eccessi e nelle loro debolezze.

 Per il regista quindi, Euripide sembra dirci che non esiste un bene e un male, un giusto e un ingiusto. Passione e castità sono entrambi necessari all'equilibrio della natura umana.

 

Teatro Sala Uno

Piazza San Giovanni in Laterano 14

Dal 31 gennaio al 5 febbraio 2012

Ore 21.00

Domenica ore 18

Biglietto 13.00 euro

Per info e prenotazioni  06 7009329      

[23-01-2012]

 
Lascia il tuo commento