Giornale di informazione di Roma - Venerdi 30 settembre 2016
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cinema
 
» Prima Pagina » Cinema
 
 

The Help

diTate Taylor. Con Emma Stone, Viola Davis, Jessica Chastain

di Rosario Sparti

Mississippi, anni 60. Skeeter è una ragazza della buona società bianca che rientra a casa, dopo gli anni passati al college, determinata a diventare una scrittrice. Ma è grande la sorpresa nella cerchia delle sue amicizie – e in una cittadina del Mississippi di quel tempo – quando lei decide di cominciare intervistando le donne nere che hanno speso la loro vita lavorando nella servitù delle più importanti famiglie del sud. Aibileen, la governante, e amica, di Skeeter, è la prima ad iniziare, con il disappunto degli esponenti della comunità nera locale. 

Dopo il grande successo al botteghino americano della scorsa estate, questa pellicola sbarca nelle nostre sale giusto in tempo dopo la notte dei Golden Globe. Ovviamente non è un caso, parliamoci chiaro. Il film, tratto dall’omonimo bestseller di Kathryn Stockett, è il tipico esempio d’acchiappa Oscar e siamo sicuri che, insieme al furbetto THE ARTIST, finirà per racimolare qualche statuetta. Non è detto però che questo sia per forza un male. Dopo questa doverosa premessa è lecito spiegare perché un film, che è senz’altro la quintessenza della Hollywood che vuole piacere, vada visto e sia degno d’essere apprezzato.  

Il regista Tate Taylor, con grande equilibrio tra dramma e leggerezza, riesce a rendere bene questa storia di coraggio al femminile, che esamina la questione razziale osservandola nella quotidianità. Il punto di forza della storia è la leggerezza di sguardo con la quale si guarda all’America sudista degli ani ’60, una vivacità e solarità che non ti aspetteresti nella trattazione di un tema simile. Senz’altro l’impostazione è buonista e manichea ma in questo il regista è sin da subito chiaro, non cerca d’ingannare lo spettatore e se arrivano delle lacrime facili, sono lacrime sincere.

Un film dai contorni disneyani che trova nel cast il suo punto di forza, un ensemble d’attrici di primo livello regalano performance straordinarie che valgono il prezzo del biglietto: lla simpatica Emma Stone, una  energica Viola Davis, la scoperta dell’anno Jessica Chastain, qui Marilyn di provincia, due attrici di razza come Allison Jenney e Sissy Spaceck, autrice d’alcune delle migliori battute del film, l'odiosa Bryce Dallas Howard e Octavia Spencer, fresca vincitrice del golden globe come attrice non protagonista, di cui non scorderete la ricetta per la torta al cioccolato.

 


Secondo te quanti euro merita??
 
 
 

[21-01-2012]

 
Lascia il tuo commento
 
 
 
  CORRELATE