Giornale di informazione di Roma - Martedi 27 settembre 2016
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cinema
 
» Prima Pagina » Cinema
 
 

Benvenuti al nord

di Luca Miniero. Con Claudio Bisio, Alessandro Siani

di Alessio Palma

Alberto e Mattia sono in crisi con le rispettive mogli. Silvia accusa Alberto, che ha accettato di guidare un nuovo progetto alle Poste, di pensare solo al lavoro. Intanto da Castellabate, Mattia, lasciato da Maria e con un figlio a carico, parte per andare a lavorare a Milano, dove rincontrerà il suo ex-direttore. Il primo impatto con la città sarà difficile. Ma, pian piano, i pregiudizi inizieranno a sciogliersi.

Il sequel di BENVENUTI AL SUD, sempre diretto da Miniero e uno dei maggiori incassi italiani degli ultimi anni, ne capovolge il punto di partenza: se lì venivano affettuosamente presi in giro alcuni comportamenti tipici dei meridionali, qui ad essere presi di mira sono i tipici tic della gente del nord (puntualità, efficienza, frenesia). Il cast è il medesimo, con Angela Finocchiaro impegnata stavolta in un doppio ruolo e la new entry Paolo Rossi, chiamato a impersonare un tirannico manager d’azienda a metà tra Marchionne e Brunetta.

Peccato che non funzioni praticamente nulla. BENVENUTI AL SUD, pur nella sua esilità, poteva almeno contare su una prima parte brillante prima di afflosciarsi nel buonismo generale della seconda. Mentre questo secondo capitolo, penalizzato anche da una durata eccessiva (110 min), non indovina mai ritmo, coesione narrativa e, soprattutto, battute divertenti. Gli attori, pur bravi, sono malserviti dalla sceneggiatura.

Bisio
e Siani faticano a trovare la giusta interazione a livello recitativo, come nella fiacca parentesi del “ringiovanimento” di Alberto, la Lodovini è sottoutilizzata, i caratteristi (come Nando Paone e Giacomo Rizzo) non riescono a risollevare una trasferta milanese priva di veri spunti comici. Come non bastasse, stereotipi su nord e sud che sarebbero sembrati vecchi già negli anni ’50, trovate che fanno fatica a strappare un sorriso (il cane che pensa a fumetti) e l’invadente product placement delle Poste Italiane. Al termine, l’impressione è quella di aver assistito ad un’operazione di marketing e nient’altro.
 



votanti: 4
Secondo te quanti euro merita??
 
 
TAG: - miniero - bisio - siani
 

[19-01-2012]

 
Lascia il tuo commento
 
 
 
  CORRELATE