Giornale di informazione di Roma - Lunedi 26 settembre 2016
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cronaca Giudiziaria
 
» Prima Pagina » Cronaca Roma » Cronaca Giudiziaria
 
 

Uccise vicino per una lite condominiale, 12 anni di carcere

la sentenza della Corte d'Assise d'Appello

12 anni di carcere per aver ucciso il vicino di casa dopo una lite condominiale. E' la sentenza della Corte d'Assise d'appello di Roma che ha riconosciuto colpevole di omicidio volontario Giancarlo Di Francesco. L’uomo la sera del 22 ottobre di due anni fa uccise a colpi di pistola Massimiliano Garsevich, di 31anni, dopo una lite iniziata nel palazzo di via Giuliotti, al Laurentino 38.

I giudici hanno ridotto di due anni la pena inflitta in primo grado poiché secondo i magistrati Di Francesco era stato provocato. Secondo la ricostruzione fatta dagli investigatori la lite era nata per una questione condominiale. Dopo il diverbio l'omicida si sarebbe allontanato da casa per poi tornare armato. I carabinieri, intervenuti poco dopo la sparatoria, fermarono Di Francesco sulle scale della palazzina mentre tentava di fuggire.

[16-01-2012]

 
Lascia il tuo commento