Giornale di informazione di Roma - Martedi 27 settembre 2016
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cinema
 
» Prima Pagina » Cinema
 
 

Shame

di Steve McQueen. Con Michael Fassbender, Carey Mulligan

di Svevo Moltrasio

Giovane, affascinante e in carriera, Brandon passa le ore libere ad adescare donne o su siti porno. Il suo particolare rapporto con la sessualità diventerà di difficile gestione con l'apparizione della sorella. Brandon sarà messo di fronte a scelte dolorose.

L’artista inglese Steve McQueen – omonimo del celebre attore – torna alla regia dopo l’interessante opera prima HUNGER inedita in Italia. Tra i meriti di quella pellicola anche quello di lanciare la carriera cinematografica del bravo e versatile Michael Fassbender, qui di nuovo protagonista in una prova che gli è valsa il premio per il migliore interprete al Festival di Venezia.

McQueen lavora ancora su temi duri raccontati senza pudori alla ricerca di una messa in scena esteticamente elegante nonostante la crudezza del soggetto ritratto. Qui l’ossessione sessuale del protagonista è inizialmente trattata con molte ombre, espressa soprattutto per immagini, senza sottolineature fuori luogo né psicologia accademica. Il muoversi di Fassbender nell’elegante ed algido mondo descritto dal regista lascia il segno, almeno fino all’ingresso in scena della sorella del protagonista.

L’interazione umana tra i due personaggi sconta alcune situazioni troppo scritte e artificiose e così, improvvisamente, lo stile, del regista e degli interpreti, diventa di maniera. Il ritratto si fa più banale e alcune svolte, anche decisamente forti, sembrano indirizzare il film verso un narrazione ad effetto, compresa l’ultima scena.
 



votanti: 2
Secondo te quanti euro merita??
 
 
 

[13-01-2012]

 
Lascia il tuo commento
 
 
 
  CORRELATE